Camperfree
BENVENUTO SU CAMPERFREE

AVVISO

Per registrarti clicca su REGISTRARE con un EMAIL VALIDA per convalidare la registrazione e quindi accedere alle sezioni riservate solo agli utenti, connettendoti utilizzando il tuo Nome utente e Password.

Il forum è gratuito e la definizione "CONTO" significa "ACCOUNT" (iscrizione)

Se hai perso la Password puoi recuperarla cliccando sulla chiave qui sotto, otterrai una nuova Password via email

Aritzo, una bellezza in Barbagia dalle tinte noir Chiave11

Dopo potrai sempre modificarla accedendo nel tuo profilo
Accedi

Ho dimenticato la password

Google Maps per localizzare la tua posizione anche per fare percossi stradali in auto/camper
Mercatino Annunci Free

Visualizza tutti gli annunci

Ultimi argomenti
» Una “bandiera blu” starter del Grand Tour delle Marche 2020
Aritzo, una bellezza in Barbagia dalle tinte noir Icon_minitime1Oggi alle 17:54 Da Tipicità

» Riserva naturale Bosco Tanali (Bientina) : Escursione ornitologica in notturna: birdwatching al buio
Aritzo, una bellezza in Barbagia dalle tinte noir Icon_minitime1Oggi alle 14:53 Da Fabrizio.Quochi

» Il Mercatale di San Miniato, 10° edizione
Aritzo, una bellezza in Barbagia dalle tinte noir Icon_minitime1Oggi alle 14:47 Da Fabrizio.Quochi

» Importanti regole per la SOSTA dei veicoli abitativi
Aritzo, una bellezza in Barbagia dalle tinte noir Icon_minitime1Oggi alle 14:07 Da Camperfree

» A spasso tra i mulini d’Italia
Aritzo, una bellezza in Barbagia dalle tinte noir Icon_minitime1Oggi alle 10:47 Da FuoriPorta

» Sciatt in Valtellina
Aritzo, una bellezza in Barbagia dalle tinte noir Icon_minitime1Oggi alle 10:43 Da FuoriPorta

» Presentazione nuovo utente
Aritzo, una bellezza in Barbagia dalle tinte noir Icon_minitime1Ieri alle 11:16 Da OmoGirando

» Presentazione
Aritzo, una bellezza in Barbagia dalle tinte noir Icon_minitime1Ieri alle 11:15 Da OmoGirando

» primo messaggio
Aritzo, una bellezza in Barbagia dalle tinte noir Icon_minitime1Ieri alle 11:15 Da OmoGirando

» Buongiorno
Aritzo, una bellezza in Barbagia dalle tinte noir Icon_minitime1Ieri alle 11:14 Da OmoGirando

» presentazione
Aritzo, una bellezza in Barbagia dalle tinte noir Icon_minitime1Ieri alle 11:13 Da OmoGirando

» OmoGirando i luoghi del Pride - visita guidata - Milano, 20 giugno 2020, ore 17:00
Aritzo, una bellezza in Barbagia dalle tinte noir Icon_minitime1Ieri alle 10:52 Da OmoGirando

» OmoGirando il Quartiere Italia, da Villa Massimo alla Stazione Tiburtina - Roma, 13 giugno 2020
Aritzo, una bellezza in Barbagia dalle tinte noir Icon_minitime1Ieri alle 10:49 Da OmoGirando

» Grigliata no-stop
Aritzo, una bellezza in Barbagia dalle tinte noir Icon_minitime1Gio 28 Mag 2020, 10:39 Da FuoriPorta

» Sospesi tra i ponti in Val Tartano
Aritzo, una bellezza in Barbagia dalle tinte noir Icon_minitime1Gio 28 Mag 2020, 10:33 Da FuoriPorta

» Ventoline frigo trivalente
Aritzo, una bellezza in Barbagia dalle tinte noir Icon_minitime1Mar 26 Mag 2020, 22:26 Da Corrado B

» Frigo ad assorbimento
Aritzo, una bellezza in Barbagia dalle tinte noir Icon_minitime1Lun 25 Mag 2020, 09:15 Da Camperfree

» Desenzano Garda Flowers SUMMER
Aritzo, una bellezza in Barbagia dalle tinte noir Icon_minitime1Ven 22 Mag 2020, 13:53 Da Desenzano Garda Flowers

» Frittata di Agarico Ostreato
Aritzo, una bellezza in Barbagia dalle tinte noir Icon_minitime1Mer 20 Mag 2020, 11:11 Da Mauro.B

» Scarpariello
Aritzo, una bellezza in Barbagia dalle tinte noir Icon_minitime1Mer 20 Mag 2020, 11:06 Da Mauro.B

» Pioppini in umido
Aritzo, una bellezza in Barbagia dalle tinte noir Icon_minitime1Mer 20 Mag 2020, 11:02 Da Mauro.B

» Pasta con panna prosciutto e funghi
Aritzo, una bellezza in Barbagia dalle tinte noir Icon_minitime1Mer 20 Mag 2020, 10:57 Da Mauro.B

» Frittura di Acquadella
Aritzo, una bellezza in Barbagia dalle tinte noir Icon_minitime1Mer 20 Mag 2020, 10:49 Da Mauro.B

» Orata agli agrumi
Aritzo, una bellezza in Barbagia dalle tinte noir Icon_minitime1Mer 20 Mag 2020, 10:43 Da Mauro.B

» Frittata di bianchetti
Aritzo, una bellezza in Barbagia dalle tinte noir Icon_minitime1Mer 20 Mag 2020, 10:40 Da Mauro.B

Previsioni del tempo
Camperfree
"Attenzione! Camperfree non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. L’autore del sito Mario La Donna e possibili collaboratori non sono responsabili del contenuto dei commenti ai post, nè del contenuto dei siti linkati. Alcuni testi o immagini inseriti in questo blog sono tratti da internet e, pertanto, considerati di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi."

Aritzo, una bellezza in Barbagia dalle tinte noir

Andare in basso

Aritzo, una bellezza in Barbagia dalle tinte noir Empty Aritzo, una bellezza in Barbagia dalle tinte noir

Messaggio Da FuoriPorta il Ven 01 Mag 2020, 11:28

Ajo’ siamo in Barbagia, esattamente a Funtana Cungiada, frazione di Aritzo, a 1300 metri tra felci e ginepri, vicino alla chiesa di santa Maria della neve. Qui durante l’inverno nevica talmente tanto da riempire i canaloni lungo la strada. Un tempo, nel secolo scorso e quallo prima ancora, qui si formavano le neviere, pozzi profondi diversi metri su cui venivano costruiti dei muretti a secco e da cui d’estate veniva raccolta la neve in blocchi di ghiaccio. La neve, da queste parti era davvero preziosa, perché attraverso questi blocchi bianchi si preparava la Carappigna. Un sorbetto fatto con ghiaccio, limone e zucchero. Non è una granita, ma una crema. All’inizio del ‘600, gli spagnoli, che allora dominavano queste terre, diedero in concezione l’estrazione della neve alla famiglia nobile degli Arangino. Questi, da allora, ne detennero il monopolio. Raccoglievano la neve, la mettevano nelle fosse che allora si chiamavano le neviere. Le ricoprivano con la paglia e pestavano il tutto. La neve si ghiacciava e d’estate veniva utilizzata per fare la Carappigna.

Degli Arangino, ad Aritzo resta un particolare edificio neogotico su Corso Umberto I, risalente al 1917 in stile neogotico fatto costruire dal cavalier Vincenzo Arangino. Aveva tanto di torre e mura merlate. Ad Aritzo tutti lo chiamavano Il castello. Il cavaliere era uno dei più ricchi proprietari terrieri della Sardegna, forse il più ricco, talmente tanto che si dice trascorresse la domenica a contare i soldi ricavati durante la settimana. Era tanto conosciuto, quanto poco amato. Morì insieme a suo figlio nel 1950 in un agguato che pose fine alla loro famiglia.

Nel centro del paese si trovano particolari case antiche, che hanno costruite in scisto e abbellite da balconi in legno. Affascinanti! Da non perdere tra gli edifici storici c’è anche Casa Devilla.

Al centro si erge la parrocchiale di San Michele Arcangelo, la cui parte più antica risale all’anno mille. Il monumento naturale Texile, roccia ‘dolomitica’ a forma di fungo, è notevolmente affascinante.

Le seicentesche carceri spagnole, di massima sicurezza fino a metà XX secolo – dove furono detenuti anche ufficiali francesi di Napoleone – caratterizzate da un sottopassaggio detto sa Bovida. Anche questa una tappa da non mancare nella vista a questo grazioso centro della Barbagia.
FuoriPorta
FuoriPorta
Caravan
Caravan


Torna in alto Andare in basso

Torna in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum