Camperfree
BENVENUTO SU CAMPERFREE

AVVISO

Per registrarti clicca su REGISTRARE con un EMAIL VALIDA per convalidare la registrazione e quindi accedere alle sezioni riservate solo agli utenti, connettendoti utilizzando il tuo Nome utente e Password.

Il forum è gratuito e la definizione "CONTO" significa "ACCOUNT" (iscrizione)

Se hai perso la Password puoi recuperarla cliccando sulla chiave qui sotto, otterrai una nuova Password via email



Dopo potrai sempre modificarla accedendo nel tuo profilo
Accedi

Ho dimenticato la password

Mercatino Annunci Free

Visualizza tutti gli annunci

Ultimi argomenti
» Eroico Rosso Sforzato Wine Festival
Ieri alle 14:41 Da EroicoRosso

» Libera poesia tra le mura e cappello di paglia!
Ieri alle 10:26 Da Tipicità

» SAGRA DELLA ROMAGNA E DELL'ABRUZZO A FAENZA (RA) IL 24-25-26 AGOSTO 2018
Ieri alle 09:20 Da cate

» I Balanzoni, i tortelli poveri di Bologna
Ieri alle 08:01 Da FuoriPorta

» In viaggio ad Ollolai alla scoperta della Sardegna più autentica
Ieri alle 07:55 Da FuoriPorta

» Ascoliva Festival, ad Ascoli Piceno l’oliva ascolana in tutte le sue varianti
Ieri alle 07:49 Da FuoriPorta

» Un grande “serpentone” del gusto si aggira tra i vicoli di Marcetelli (RI)
Ieri alle 07:46 Da FuoriPorta

» Castel di Tora (RI) si cena sotto uno splendido cielo stellato
Ieri alle 07:42 Da FuoriPorta

» Autovelox dal 16 al 22 luglio 2018
Lun 16 Lug 2018, 16:05 Da Cavallo Pazzo

» 16a Festa della Bistecca - Loc. Santarello
Lun 16 Lug 2018, 14:06 Da Moira Guerrini

» In Valdelsa. Tra ville, castelli e fattorie storiche
Sab 14 Lug 2018, 17:36 Da Ass. Culturale Cetra

» Che Grana il Grignolino
Ven 13 Lug 2018, 18:36 Da Pro Loco Grana

» Apericena Astronomica
Ven 13 Lug 2018, 12:35 Da BieffePieventi

» Rione Castello in Festa - II Sagra della Pizzola
Ven 13 Lug 2018, 11:01 Da RioneCastello

» 9°FESTA DELLA BIRRA GORLA MAGGIORE
Ven 13 Lug 2018, 10:26 Da Bernasconi Alberto

» Chianu & guastedda - cibo e arti di strada
Ven 13 Lug 2018, 09:40 Da Sonia Geraci

» Sostare con il camper dove si può è non.....
Ven 13 Lug 2018, 09:40 Da Camperfree

» Una sera a teatro
Gio 12 Lug 2018, 22:02 Da Ass. Pro Levo

» Palio dei Colombi 2018 Amelia (TR)
Gio 12 Lug 2018, 18:52 Da Benedetta Tintillini

» TORNEO DI TENNIS DOPPIO E SINGOLARE MASCHILE E FEMMINILE
Gio 12 Lug 2018, 17:23 Da ProCaglio

» USCITA SPELEOLOGICA PRESSO LE GROTTE DEL PIAN DEL TIVANO
Gio 12 Lug 2018, 16:38 Da ProCaglio

» Festività dell'Assunta - Pellegrinaggio al Santuario di NS dell'Acquasanta
Gio 12 Lug 2018, 15:51 Da Oratorio Mele

» Ferragosto Melese 2018 - Confraternita Sant'Antonio Abate MELE
Gio 12 Lug 2018, 15:49 Da Oratorio Mele

» TORNEO DI GREEN VOLLEY
Gio 12 Lug 2018, 10:52 Da ProCaglio

» SAGRA PAELLA E SANGRIA
Gio 12 Lug 2018, 10:41 Da ProCaglio

Previsioni del tempo
Camperfree
"Camperfree non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità e non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 07.03.2001."

Ramacca, il Grano e il Pane

Andare in basso

Ramacca, il Grano e il Pane

Messaggio Da FuoriPorta il Mer 08 Ott 2014, 11:59

Ramacca, il Grano e il Pane

Secondo la mitologia greca fu Demetra a donare all’uomo i cereali, in modo particolare il frumento da cui si ricava la farina per la panificazione. Già ai tempi dello storico Diodoro Siculo, vissuto ai tempi dell’imperatore Augusto, la Sicilia era considerata la patria legittima del grano: nell’isola, infatti, cresceva spontaneamente il triticum villosum che attraverso la coltivazione si sarebbe trasformato nel triticum sativum usato per la panificazione.

A Ramacca, nel Catenese, dei quasi 25.000 ettari di superficie agraria del territorio comunale, ben 15.000 sono interessati alla coltivazione del grano con una produzione complessiva media annua di quasi 600.000 quintali. Il grano duro utilizzato oggi per la panificazione è però frutto di selezioni sperimentate nel corso dei secoli e, con un certo grado di scientificità, agli inizi del ‘900, al fine di ottenere elevate produttività, anche con climi aridi come quello siciliano, e farine sempre migliori.

Grazie alla natura dei terreni, al clima ottimale ed alla laboriosità dei coltivatori, nella contrada Margherito di Ramacca negli anni ‘20 si mise a coltura un tipo di grano duro resistente alla siccità, di alto stelo, varietà che prese il nome dalla contrada stessa e che è annoverata ancora oggi tra i frumenti migliori. Ma, come dicono saggiamente gli agricoltori, ogni terreno ha il suo frumento. E con tenacia e lungimiranza durante gli anni ’30 del secolo scorso programmi di miglioramento genetico avviati dal Prof. U. De Cillis portarono alla sperimentazione di diversi incroci per creare frumenti sempre più adatti alla pastificazione e alla panificazione. La varietà “Russello”, dalla elevata produttività, sintesi della sua resistenza alle malattie ed avversità ambientali, e all’adattabilità ai vari terreni. La “Timilia”, varietà pregiata per la sua buona resa alla molitura e forza della farina, si distingueva come un grano primaverile precoce. La “Capeiti” varietà precoce coltivata su vasta scala, di taglia bassa e dalla farina dolce e bianchissima. Infine il “Sen. Cappelli”, diffuso largamente in Sicilia, principalmente in provincia di Catania dove viene chiamato appunto anche “Margherito” o “Bidì”. La farina derivata dalla macinazione di questo grano, di alta qualità nutritiva, impastata a mano con lievito naturale e acqua di fonte, cotta nel forno in pietra sapientemente riscaldato a legna, diede origine a un pane di straordinaria dolcezza e compattezza per il quale ancora oggi il paese di Ramacca è famoso in Sicilia.
avatar
FuoriPorta
Tenda
Tenda


Torna in alto Andare in basso

Torna in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum