Camperfree
BENVENUTO SU CAMPERFREE

AVVISO

Per registrarti clicca su REGISTRARE con un EMAIL VALIDA per convalidare la registrazione e quindi accedere alle sezioni riservate solo agli utenti, connettendoti utilizzando il tuo Nome utente e Password.

Il forum è gratuito e la definizione "CONTO" significa "ACCOUNT" (iscrizione)

Se hai perso la Password puoi recuperarla cliccando sulla chiave qui sotto, otterrai una nuova Password via email

Il Nadalin, il “papà” veronese del pandoro Chiave11

Dopo potrai sempre modificarla accedendo nel tuo profilo


Unisciti al forum, è facile e veloce

Camperfree
BENVENUTO SU CAMPERFREE

AVVISO

Per registrarti clicca su REGISTRARE con un EMAIL VALIDA per convalidare la registrazione e quindi accedere alle sezioni riservate solo agli utenti, connettendoti utilizzando il tuo Nome utente e Password.

Il forum è gratuito e la definizione "CONTO" significa "ACCOUNT" (iscrizione)

Se hai perso la Password puoi recuperarla cliccando sulla chiave qui sotto, otterrai una nuova Password via email

Il Nadalin, il “papà” veronese del pandoro Chiave11

Dopo potrai sempre modificarla accedendo nel tuo profilo
Camperfree
Vuoi reagire a questo messaggio? Crea un account in pochi click o accedi per continuare.
Accedi

Ho dimenticato la password

Google Maps per localizzare la tua posizione anche per fare percossi stradali in auto/camper
Mercatino Annunci Free

Visualizza tutti gli annunci

Prenotazioni GardaLanding
Ultimi argomenti attivi
» Monteprandone
Il Nadalin, il “papà” veronese del pandoro Icon_minitime1Mer 14 Apr 2021, 11:55 Da FuoriPorta

» Camerano Casasco
Il Nadalin, il “papà” veronese del pandoro Icon_minitime1Mer 14 Apr 2021, 11:49 Da FuoriPorta

» Viaggio nella Sicilia orientale
Il Nadalin, il “papà” veronese del pandoro Icon_minitime1Mer 14 Apr 2021, 11:43 Da FuoriPorta

» Come pulire il piano cottura
Il Nadalin, il “papà” veronese del pandoro Icon_minitime1Mer 14 Apr 2021, 10:57 Da Oasi Blu

» Far crescere i capelli più velocemente
Il Nadalin, il “papà” veronese del pandoro Icon_minitime1Mer 14 Apr 2021, 10:52 Da Oasi Blu

» Piante e fiori, si possono tenere in casa
Il Nadalin, il “papà” veronese del pandoro Icon_minitime1Mer 14 Apr 2021, 10:46 Da Oasi Blu

» Per far durare i fiori in vaso più a lungo
Il Nadalin, il “papà” veronese del pandoro Icon_minitime1Mer 14 Apr 2021, 10:39 Da Oasi Blu

» Per un sugo di pomodoro dolce
Il Nadalin, il “papà” veronese del pandoro Icon_minitime1Mer 14 Apr 2021, 10:32 Da Oasi Blu

» Capi scuri sbiaditi
Il Nadalin, il “papà” veronese del pandoro Icon_minitime1Mer 14 Apr 2021, 10:24 Da Oasi Blu

» Punture d’insetti addio
Il Nadalin, il “papà” veronese del pandoro Icon_minitime1Mer 07 Apr 2021, 11:15 Da Apollo

» Pulire il camino in poche mosse
Il Nadalin, il “papà” veronese del pandoro Icon_minitime1Mer 07 Apr 2021, 11:11 Da Apollo

» Togliere l’odore di sudore dai vestiti
Il Nadalin, il “papà” veronese del pandoro Icon_minitime1Mer 07 Apr 2021, 11:06 Da Apollo

» Hai in casa dei sacchetti del pane?
Il Nadalin, il “papà” veronese del pandoro Icon_minitime1Mer 07 Apr 2021, 11:01 Da Apollo

» Macchie di bruciato sul pavimento?
Il Nadalin, il “papà” veronese del pandoro Icon_minitime1Mer 07 Apr 2021, 10:56 Da Apollo

» dov'è finita la mia ombra?!
Il Nadalin, il “papà” veronese del pandoro Icon_minitime1Mar 06 Apr 2021, 11:42 Da FondazioneAida

» Tortino di spinaci con fonduta di parmigiano
Il Nadalin, il “papà” veronese del pandoro Icon_minitime1Lun 05 Apr 2021, 10:04 Da FuoriPorta

» Come stirare senza asse da stiro?
Il Nadalin, il “papà” veronese del pandoro Icon_minitime1Mer 31 Mar 2021, 11:10 Da Cavallo Pazzo

» Rimuovere gli adesivi da ogni superficie
Il Nadalin, il “papà” veronese del pandoro Icon_minitime1Mer 31 Mar 2021, 11:04 Da Cavallo Pazzo

» Porte che cigolano?
Il Nadalin, il “papà” veronese del pandoro Icon_minitime1Mer 31 Mar 2021, 11:00 Da Cavallo Pazzo

» Pulire la cucina in modo facile
Il Nadalin, il “papà” veronese del pandoro Icon_minitime1Mer 31 Mar 2021, 10:54 Da Cavallo Pazzo

» Capi neri sbiaditi?
Il Nadalin, il “papà” veronese del pandoro Icon_minitime1Mer 31 Mar 2021, 10:49 Da Cavallo Pazzo

» Lavare i jeans neri senza sbiardirli o rovinarne lo splendore
Il Nadalin, il “papà” veronese del pandoro Icon_minitime1Mer 31 Mar 2021, 10:42 Da Cavallo Pazzo

» Il segreto per un pollo al forno croccante e saporito
Il Nadalin, il “papà” veronese del pandoro Icon_minitime1Mer 31 Mar 2021, 10:34 Da Cavallo Pazzo

» Pulizia dei sedili auto
Il Nadalin, il “papà” veronese del pandoro Icon_minitime1Mer 31 Mar 2021, 10:26 Da Cavallo Pazzo

» Preparare un purè di patate cremoso
Il Nadalin, il “papà” veronese del pandoro Icon_minitime1Mer 31 Mar 2021, 10:19 Da Cavallo Pazzo

Previsioni del tempo
Camperfree
"Attenzione! Camperfree non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. L’autore del sito Mario La Donna e possibili collaboratori non sono responsabili del contenuto dei commenti ai post, nè del contenuto dei siti linkati. Alcuni testi o immagini inseriti in questo blog sono tratti da internet e, pertanto, considerati di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi."

Il Nadalin, il “papà” veronese del pandoro

Andare in basso

Il Nadalin, il “papà” veronese del pandoro Empty Il Nadalin, il “papà” veronese del pandoro

Messaggio Da FuoriPorta Lun 14 Gen 2019, 09:08

Affonda le sue origini nel XIII secolo, quando un cuoco di una famiglia signorile volle festeggiare il Natale con un dolce a stella, che potesse così rappresentare lo splendore della città di Verona governata da nobili Della Scala. Nacque così il Nadalin, vaporoso e leggero panettone modellato a forma di stella, gonfio nel centro e basso ai lati: in provincia di Verona è considerato l’antenato del moderno pandoro, che rispetto alla versione più attuale del famoso dolce ha una forma un po’ più bassa, una sagoma a stella e una consistenza altrettanto morbida ma sicuramente meno burrosa.

INGREDIENTI

500 g. di farina, 250 g. di zucchero in polvere, 200 g. di burro, 200 g. di latte, 5 uova, 30 g. di lievito di birra, 50 g. di mandorle spellate, 50 g. di pinoli, 40 g. di liquore all’anice, 8 g. di sale, Zucchero a velo q.b.

PREPARAZIONE

Preparare il primo impasto: all’interno di una ciotola, sciogliere il lievito con 70 g. di latte tiepido; aggiungervi 100 g. di farina ed impastare il tutto per una decina di minuti: si deve ottenere un composto liscio, asciutto ed elastico. Formare una palla, coprirla con un telo e farla lievitare a temperatura ambiente in un luogo caldo e privo di correnti d’aria per mezz’ora (deve raddoppiare). Trascorso questo tempo, preparare il secondo impasto: sciogliere 80 g. di zucchero in 100 g. di latte, aggiungervi 300 g. di farina, due uova e, per ultimo, amalgamarvi anche il panetto lievitato precedentemente preparato. Trasferire il composto sul piano di lavoro leggermente infarinato e lavorarlo per circa 12 minuti; trascorso questo tempo, unirvi 100 g. di burro ammorbidito a temperatura ambiente e formare una palla; trasferirla in una ciotola, coprirla e farla nuovamente lievitare per due ore. Trascorso questo tempo, preparare il terzo ed ultimo impasto: amalgamare 100 g. di farina con 70 g. di zucchero, il sale, tre tuorli d’uovo, 30 g. di latte ed il liquore all’anice; unire anche il secondo impasto preparato e lavorare il tutto per 15 minuti; incorporare quindi 100 g. di burro morbido, riformare una palla, coprirla e farla riposare ancora per mezz’ora. Trascorso questo tempo, trasferire l’impasto su una placca precedentemente foderata con della carta forno e dargli la caratteristica forma di stella nel seguente modo: praticare sulla palla due profonde incisioni orizzontali e due profonde incisioni verticali; una alla volta, prendere con due dita le otto parti vicine al “bottone” centrale e tirarle dolcemente verso l’esterno e verso il basso, in modo da ottenere i raggi della stella. Lasciare lievitare al caldo per tre ore. Nel frattempo, preparare la glassa di copertura: versare in una terrina le mandorle tritate piuttosto grossolanamente, i pinoli e 100 g. di zucchero ed inumidire il tutto con un po’ di albume leggermente sbattuto. Trascorso il tempo di lievitazione, ricoprire la superficie del dolce con la glassa (premendo leggermente la frutta secca per farla aderire bene) e cuocere in forno preriscaldato a 180° per circa 40-45 minuti. Una volta raffreddato, trasferirlo su un piatto di portata e spolverizzarlo con abbondante zucchero a velo fatto cadere a pioggia da un colino.
FuoriPorta
FuoriPorta
Caravan
Caravan


Torna in alto Andare in basso

Torna in alto


 
Permessi in questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum.