Camperfree
BENVENUTO SU CAMPERFREE

AVVISO

Per registrarti clicca su REGISTRARE con un EMAIL VALIDA per convalidare la registrazione e quindi accedere alle sezioni riservate solo agli utenti, connettendoti utilizzando il tuo Nome utente e Password.

Il forum è gratuito e la definizione "CONTO" significa "ACCOUNT" (iscrizione)

Se hai perso la Password puoi recuperarla cliccando sulla chiave qui sotto, otterrai una nuova Password via email

Possagno Chiave11

Dopo potrai sempre modificarla accedendo nel tuo profilo


Unisciti al forum, è facile e veloce

Camperfree
BENVENUTO SU CAMPERFREE

AVVISO

Per registrarti clicca su REGISTRARE con un EMAIL VALIDA per convalidare la registrazione e quindi accedere alle sezioni riservate solo agli utenti, connettendoti utilizzando il tuo Nome utente e Password.

Il forum è gratuito e la definizione "CONTO" significa "ACCOUNT" (iscrizione)

Se hai perso la Password puoi recuperarla cliccando sulla chiave qui sotto, otterrai una nuova Password via email

Possagno Chiave11

Dopo potrai sempre modificarla accedendo nel tuo profilo
Camperfree
Vuoi reagire a questo messaggio? Crea un account in pochi click o accedi per continuare.
Accedi

Ho dimenticato la password

Google Maps per localizzare la tua posizione anche per fare percossi stradali in auto/camper
Mercatino Annunci Free

Visualizza tutti gli annunci

Prenotazioni GardaLanding
Ultimi argomenti attivi
» Aria di Natale
Possagno Icon_minitime1Ieri alle 18:54 Da Valentina Cavera

» Torino Magica® Speciale famiglie
Possagno Icon_minitime1Ieri alle 11:20 Da Somewhere

» Collezionare a Firenze – Artigianarte Dicembre 2021
Possagno Icon_minitime1Lun 29 Nov 2021, 18:17 Da Mercatotenda

» Metti del sale nel forno e vedrai che risultato!
Possagno Icon_minitime1Ven 26 Nov 2021, 18:22 Da Oasi Blu

» Divieto di sosta per camper e roulotte
Possagno Icon_minitime1Ven 26 Nov 2021, 18:08 Da Oasi Blu

» Val di Rabbi
Possagno Icon_minitime1Ven 26 Nov 2021, 17:48 Da FuoriPorta

» Notturno a Palazzo Reale - Torino
Possagno Icon_minitime1Gio 25 Nov 2021, 11:58 Da Somewhere

» Domenica 5 Dicembre 2021 Il regalo di Natale
Possagno Icon_minitime1Mer 24 Nov 2021, 14:51 Da Chiara.benini@hotmail.it

» Magie di Natale a Castelfiorentino
Possagno Icon_minitime1Mar 23 Nov 2021, 18:18 Da Ufficio Informazioni

» Tableaux vivants e musica a San Marcellino per la “Rapsodia Dantesca”
Possagno Icon_minitime1Lun 22 Nov 2021, 18:31 Da Crudipress

» "25": 12 pittori alla galleria Mercurio Arte Contemporanea di Viareggio
Possagno Icon_minitime1Dom 21 Nov 2021, 22:16 Da Mercurio

» Iliminare l’odore sgradevole dei broccoli
Possagno Icon_minitime1Dom 21 Nov 2021, 11:04 Da Cavallo Pazzo

» Come pulire a fondo i termosifoni
Possagno Icon_minitime1Dom 21 Nov 2021, 10:55 Da Cavallo Pazzo

» Cade dal camper e muore
Possagno Icon_minitime1Dom 21 Nov 2021, 10:38 Da Cavallo Pazzo

» Casale Monferrato
Possagno Icon_minitime1Ven 19 Nov 2021, 10:52 Da FuoriPorta

» Presepe di Sabbia Rimini 2021
Possagno Icon_minitime1Ven 19 Nov 2021, 07:30 Da GiBo Montebelli

» Presepe Gigante di Marchetto a Mosso
Possagno Icon_minitime1Gio 18 Nov 2021, 10:41 Da Luisella Aimone

» 4° Festival Dantesco a Castelfiorentino
Possagno Icon_minitime1Mer 17 Nov 2021, 17:40 Da Ufficio Informazioni

» La rievocazione della pace dopo Montaperti
Possagno Icon_minitime1Mar 16 Nov 2021, 18:04 Da Ufficio Informazioni

» MILITARIA ALLA TORRE 20 e 21 NOVEMBRE 2021
Possagno Icon_minitime1Mar 16 Nov 2021, 16:28 Da Museo Memoriale

» Festa del tartufo bianco
Possagno Icon_minitime1Mar 16 Nov 2021, 13:42 Da FuoriPorta

» Castello di Babbo Natale a MAENZA
Possagno Icon_minitime1Mar 16 Nov 2021, 09:50 Da Associazione La Macchia

» “Notturno d’Amore” per l’Autunno Musicale della Nuova Orchestra Scarlatti
Possagno Icon_minitime1Lun 15 Nov 2021, 21:01 Da Crudipress

» Tradizionale Concerto dell'Immacolata 2021 a Napoli
Possagno Icon_minitime1Lun 15 Nov 2021, 12:51 Da Noi per Napoli

» Remember Vintage
Possagno Icon_minitime1Dom 14 Nov 2021, 12:01 Da Sushikiwi

Previsioni del tempo
Camperfree
"Attenzione! Camperfree non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. L’autore del sito Mario La Donna e possibili collaboratori non sono responsabili del contenuto dei commenti ai post, nè del contenuto dei siti linkati. Alcuni testi o immagini inseriti in questo blog sono tratti da internet e, pertanto, considerati di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi."

Possagno

Andare in basso

Possagno Empty Possagno

Messaggio Da FuoriPorta Gio 21 Ott 2021, 10:28

Siamo nell’est del Veneto. A Possagno. Un paese piccolino. Ordinato. Grazioso. E’ qui che le greggi due volte l’anno pascolano nei prati vicini al centro cittadino. Questa potrebbe essere la ragione del suo nome “poss” che unito ad “agno” significa: la pozza dell’agnello. Dal neolitico o dall’eneolitico non si sa bene, ma questi potrebbero essere i periodi a cui ricondurre la prima umanità che da queste parti circolava.

La storia è di certo importante, scavare nella memoria è fondamentale, ma qui a Possagno mi voglio fermare in un anno preciso, in una data precisa il “1 novembre 1757”.
E’ quando nacque il padre del neoclassicismo, Antonio Canova. Proprio qui, in questo lembo di Veneto, in una lingua di terra pianeggiante che indirizza lo sguardo verso l’alto, sotto il Massiccio del Grappa.

Dimora, culla, casa natia, luogo in cui rigenerarsi. Era tutto questo Possagno per Antonio Canova. Anche trasferitotisi a Roma, era sempre qui che tornava. Ed era sempre una festa per i suoi concittadini riaverlo a casa, una festa che celebravano ogni volta in pompa magna. Anche lui non era da meno. Canova amava profondamente la sua terra e la sua gente. Destinava ogni anno a 3 fanciulle, una dote affinché potessero esser prese in moglie.
Ma Possagno, per Canova rappresentava anche il suo amato nonno Pasino, abile scalpellino e capomastro, che gli insegnò i primi rudimenti del mestiere. Fu lui a fargli da padre, vendette le sue terre per farlo studiare, ma il Canova quando divenne “IL CANOVA” gliele riacquistò!

Se vuoi innamorarti di Possagno, come lo fu il Canova, ti offro due dritte:
Gypsoteca e Tempio Canoviano!

La Gypsotheca canoviana è una parte del Museo Canova, insieme alla Casa Natale dello scultore e alla Biblioteca. Vi sono contenuti i modelli in gesso e i bozzetti in argilla dello scultore neoclassico, nonché alcuni dei suoi quadri e disegni.
Tra le tantissime opere originali come Ercole e Lica, il monumento funebre ad Antonio Alfieri, Teseo e il Centauro. Sono tutte riconoscibili come originali perché hanno ancora i chiodini in ferro che ne permettevano le repliche.
Chiodini? Ebbene si!
Vi svelo il segreto.
I garzoni di bottega puntellavano il gesso realizzato dal maestro e poi prendevano le misure tra un chiodo e l’altro attraverso un particolare strumento che, posizionato sul pezzo di marmo, permetteva di intervenire sul punto esatto mantenendo distanze e proporzioni. In questo modo si poteva replicare il pezzo.
Il Canova, non era solo un abile scultore, ma era un vero e proprio imprenditore di stesso! Conservando la scultura in gesso, quella in marmo poteva essere replicata nei minimi dettagli su richiesta. Soprattutto, in questo modo la scultura poteva essere realizzata dalla sua bottega e lui poteva limitarsi alla finitura finale.
Il gesso, insomma, era una sorta di campionario, oltre che l’unica scultura realizzata interamente dalle mani dell’artista e, per alcuni, la vera e propria opera d’arte originale.

La casa natale di Antonio Canova è proprio lì. Nello stesso complesso in cui ti trovi ora ad ammirare gli illustri gessi. Esci, attraversa il giardino, ma fai attenzione, alcune delle piante che vedi, furono volute dallo stesso Canova, in particolare i pini, forse un ricordo di Roma. La casa è una struttura del Seicento ampliata e restaurata dallo stesso artista con i soldi guadagnati a Roma.
Al suo interno si possono vedere non solo le sale dedicate alla vita quotidiana, come la cucina, ma anche dipinti, disegni, bozzetti e statue che ripercorrono la vita dell’artista.
Ci sono inoltre strumenti, ritratti, mobili di inizio ottocento e abiti, come quello indossato da Canova durante la posa della prima pietra del Tempio Canoviano. Un vero e proprio dietro le quinte di uno degli scultori più importanti di sempre.

Non si può pensare a Possagno senza aver dinanzi agli occhi il Tempio Canoviano. Gambe in spalla, attraversa la strada, goditi l’aria frescolina dell’Alta Marca Trevigiana, sali le scali ed entra. Non sei nel Pantheon di Roma, tranquillo!

Canova non vide mai il Tempio, da lui progettato, completato e fu suo fratello a seguire i lavori fino all’ultimo intervento del 1832. Oggi sono sepolti insieme al suo interno, anche se il cuore dell’artista si trova nel monumento funebre ospitato nella Basilica dei Frari e la mano destra, invece, all’Accademia, entrambe a Venezia.

Il Tempio si basa su un concetto pagano, così come la pala della Deposizione di Cristo realizzata dallo stesso Canova: Dio è sole. E non lo è solo all’interno del quadro, ma anche all’interno della chiesa, quando a mezzogiorno esatto entra dalla finestra sulla cupola illuminando l’altare.

Buona Possagno
FuoriPorta
FuoriPorta
Caravan
Caravan


Torna in alto Andare in basso

Torna in alto


 
Permessi in questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum.