Camperfree
BENVENUTO SU CAMPERFREE

AVVISO

Per registrarti clicca su REGISTRARE con un EMAIL VALIDA per convalidare la registrazione e quindi accedere alle sezioni riservate solo agli utenti, connettendoti utilizzando il tuo Nome utente e Password.

Il forum è gratuito e la definizione "CONTO" significa "ACCOUNT" (iscrizione)

Se hai perso la Password puoi recuperarla cliccando sulla chiave qui sotto, otterrai una nuova Password via email



Dopo potrai sempre modificarla accedendo nel tuo profilo
Accedi

Ho dimenticato la password

Mercatino Annunci Free

Visualizza tutti gli annunci

Ultimi argomenti
» Casoni on the Rocks vs Paella y Sangria
Oggi alle 09:52 Da Federicaorsi@live.com

» la vallata del folklore
Oggi alle 09:36 Da Piero Dilauro

» "Pensami": mostra di Riccardo Corti a Viareggio
Ieri alle 22:11 Da Mercurio

» SAGRA DEI PIZZOCCHERI
Ieri alle 11:39 Da ProCaglio

» MOSTRA DI PITTURA : ACQUERELLI DI ENRICO CALDERONI
Ven 20 Lug 2018, 16:41 Da ProCaglio

» INCONTRO D'ESTATE Orbetello GR
Ven 20 Lug 2018, 11:03 Da Mercatotenda Eventi

» Mostra Wildlife Photographer of the Year | Fortezza Firmafede, Sarzana (SP)
Gio 19 Lug 2018, 23:06 Da Fortezza Firmafede

» FERRAGOSTO LEVESE 2018
Gio 19 Lug 2018, 22:35 Da Ass. Pro Levo

» BIMBIMBICI
Gio 19 Lug 2018, 22:29 Da Ass. Pro Levo

» Laterina Medievale
Gio 19 Lug 2018, 18:41 Da Vieribenedetta@yahoo.it

» Umanesimo tecnologico per conquistare i turisti!
Gio 19 Lug 2018, 17:15 Da Tipicità

» Cena sotto le Stelle
Gio 19 Lug 2018, 12:35 Da BieffePieventi

» I fini fini, primo piatto tipico della Ciociaria
Gio 19 Lug 2018, 11:57 Da FuoriPorta

» Alla scoperta di Cetona, dalla preistoria ai giorni nostri
Gio 19 Lug 2018, 11:53 Da FuoriPorta

» Sagra della melanzana
Gio 19 Lug 2018, 11:50 Da FuoriPorta

» Tartufo e cioccolato, nella Rocca di Subiaco (RM)
Gio 19 Lug 2018, 11:46 Da FuoriPorta

» Millenarja - Scene di vita medievale
Mer 18 Lug 2018, 13:58 Da Marco Pettinari

» Eroico Rosso Sforzato Wine Festival
Mar 17 Lug 2018, 14:41 Da EroicoRosso

» Libera poesia tra le mura e cappello di paglia!
Mar 17 Lug 2018, 10:26 Da Tipicità

» SAGRA DELLA ROMAGNA E DELL'ABRUZZO A FAENZA (RA) IL 24-25-26 AGOSTO 2018
Mar 17 Lug 2018, 09:20 Da Cate

» I Balanzoni, i tortelli poveri di Bologna
Mar 17 Lug 2018, 08:01 Da FuoriPorta

» In viaggio ad Ollolai alla scoperta della Sardegna più autentica
Mar 17 Lug 2018, 07:55 Da FuoriPorta

» Ascoliva Festival, ad Ascoli Piceno l’oliva ascolana in tutte le sue varianti
Mar 17 Lug 2018, 07:49 Da FuoriPorta

» Un grande “serpentone” del gusto si aggira tra i vicoli di Marcetelli (RI)
Mar 17 Lug 2018, 07:46 Da FuoriPorta

» Castel di Tora (RI) si cena sotto uno splendido cielo stellato
Mar 17 Lug 2018, 07:42 Da FuoriPorta

Previsioni del tempo
Camperfree
"Camperfree non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità e non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 07.03.2001."

I castelli della teverina (VT)

Andare in basso

I castelli della teverina (VT)

Messaggio Da Maria Giulia il Lun 18 Set 2017, 16:54

Fascino, imponenza, natura e storia per il percorso nelle valli nascoste della strada viterbese lambita dal Tevere, dove riposano tanti piccoli borghi fantasma, castelli e villaggi d’antico aspetto, talvolta nemmeno segnati sulle carte, eppure capaci di stupire il visitatore. Alcuni, anche se abbandonati, hanno mantenuto intatto il loro fascino arcano e misterioso altri, invece, sono rimasti pressoché intatti nel corso dei secoli e sono delle proprietà private.

Inizieremo dal borgo fantasma di Celleno antica, che presenta la stessa conformazione morfologica di Civita di Bagnoregio, seppur più piccola, meno nota e ormai abbandonata. Sorge su uno sperone di tufo e si erge tra due torrenti che gradatamente sfociano verso il fiume Tevere.

Il basamento di tufo ove poggia il borgo è purtroppo soggetto ad una lenta e progressiva erosione che sta mettendo in serio pericolo la sua stessa stabilità. Il Castello Orsini, posto all’ingresso della Celleno antica, è sicuramente la costruzione più bella all’interno del piccolissimo borgo.

Circondato da un fossato, il castello è munito di un imponente fortilizio e di una grande torre di guardia. Percorrendo le anguste viuzze, troviamo case ristrutturate che si presentano nella loro struttura originale e case completamente diroccate, che rendono il paesaggio particolarmente suggestivo.

Dopo la vista proseguiremo a piedi il nostro percorso per raggiungere il borgo di Roccalvecce, che si innalza su un piccolo sperone arrotondato con le casette in tufo, sovrastate in modo imperioso dal Palazzo-Castello Costaguti. Dalla sua collinetta ad ellisse si affacciata su un territorio che prosegue indisturbato sino ai Cimini, intorno a uno scenario d’incanto, fra campi coltivati, boschi e balze rocciose, a metà strada fra la valle dei calanchi e gli ambienti di forra con altopiani e gole. Oggi il Palazzo Costaguti è la sola “impresa” presente a Roccalvecce, oltre ad un ufficio postale non sempre aperto.

Sarà quì che potremo consumare il nostro pranzo al sacco

Prenderemo qui le auto per raggiungere l’ultima tappa, e la più affascinante, ovvero il castello di Montecalvello.
I Castelli sono delle splendide tracce della storia che permettono di compiere un viaggio a ritroso nel tempo. Varcata infatti la porta d’accesso, ci si trova immersi in un luogo rimasto fermo all’epoca rinascimentale in cui gli elementi della “modernità” non hanno mai avuto accesso. Nessun abitante fisso, tranne un guardiano e i suoi gatti.

Montecalvello non è un “normale” paese ma un vero e proprio borgo-castello privato, in cui le poche abitazioni erano e sono esclusivamente a suo servizio: si vedono una chiesetta (dedicata a Santa Maria), alcune costruzioni in cui risiedevano gli operai che lavoravano per i proprietari e il grandioso palazzo signorile, elegante rifacimento quattro-cinquecentesco di un maniero più vetusto, che all’interno custodisce affreschi e mobili preziosi. L’angolo più affascinante, è senza dubbio Piazza Castello, una sorta di corte interna ove prospettano la facciata del palazzo e quelle di casette assai più dimesse con i loro rustici portoni.

Fu acquistato dal conte Balthasar Klossowski de Rola, pittore franco-polacco contemporaneo celebre con il nome di Balthus, la cui famiglia ne è tuttora proprietaria. Questo grande artista, dall’animo raffinatissimo, fu definito dall’amico Federico Fellini “un signore del Rinascimento”. Visiteremo la corte e l’esterno mentre è facoltativo ed a pagamento l’ingresso alle stanze interne, guidato da uno dei sui ultimi eredi, e per un numero limitato di persone. Durata 5 ore. A cura di Antico Presente.

Appuntamento
Domenica 24 settembre 2017 ore 9.30 a Roccalvecce di fronte alla Chiesa di S. Rocco, (si trova prima di entrare nel centro del borgo ed è segnalata su googlemaps), dove parcheggeremo la maggior parte delle auto. Andremo con alcune altre a Celleno da dove inizieremo il percorso a piedi facile che in totale sarà di 3,5 Km e con 200 mt di dilivello. Una volta arrivati a Roccalvecce proseguiremo per Montecalvello in auto.

Condizioni
Minimo 15 partecipanti. Prenotazione obbligatoria
Abbigliamento adeguato e sportivo, scarpe comode/da trekking, pranzo al sacco e acqua.

Costo
5,00 euro quota partecipazione per i soci (costo tessera annuale 10,00 euro). Gratuito per i ragazzi fino ai 16 anni. Non entreremo nei Castelli sopra citati. L'ingresso all'interno del Castello di Montecalvello, lasciato per ultimo ed eventualmente con inizio alle 14,30 è facoltativo ed ha un costo di 10 euro a persona per una visita di un ora circa e per un numero limitato di persone.

[size=14]Informazioni e prenotazioni
Sabrina 339 5718135
info@anticopresente.it
http://www.anticopresente.it./
avatar
Maria Giulia


Torna in alto Andare in basso

Torna in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum