Camperfree
BENVENUTO SU CAMPERFREE

AVVISO

Per registrarti clicca su REGISTRARE con un EMAIL VALIDA per convalidare la registrazione e quindi accedere alle sezioni riservate solo agli utenti, connettendoti utilizzando il tuo Nome utente e Password.

Il forum è gratuito e la definizione "CONTO" significa "ACCOUNT" (iscrizione)

Se hai perso la Password puoi recuperarla cliccando sulla chiave qui sotto, otterrai una nuova Password via email



Dopo potrai sempre modificarla accedendo nel tuo profilo
Accedi

Ho dimenticato la password

Conta Visite

contatore
LE NAZIONI CHE HANNO VISITATO CAMPERFREE
Mercatino Annunci Free

Visualizza tutti gli annunci

Ultimi argomenti
» Aggredisce il proprietario del camper
Oggi alle 09:26 Da Camperfree

» Autorimessa del Camper Club un incendio distrutto un mezzo
Oggi alle 08:53 Da Camperfree

» Crespelle di zucca
Oggi alle 08:33 Da FuoriPorta

» A Tarzo alla scoperta del Giardino Museo Bonsai della Serenità
Oggi alle 08:24 Da FuoriPorta

» Serra de’ Conti (AN) in festa per la cicerchia, la regina dei legumi poveri
Oggi alle 08:14 Da FuoriPorta

» La Sagra della Bruschetta Monteleone Sabino (RI)
Oggi alle 08:04 Da FuoriPorta

» Paganico Sabino (RI) riscopre il suo passato contadino con la “Castagnata”
Oggi alle 07:57 Da FuoriPorta

» FESTA DELL' OCA E DEL VINO NOVELLO
Ieri alle 09:35 Da Naturalmente Lavariano

» Presepi per la Scuola - Natale 2017 - Mostra Concorso Oratorio Sant'Antonio Abat
Mar 17 Ott 2017, 22:00 Da Oratorio Mele

» Nel tetto del camper con 300 chili di marijuana
Mar 17 Ott 2017, 09:05 Da Cavallo Pazzo

» Autovelox dal 16 al 22 ottobre 2017
Lun 16 Ott 2017, 16:30 Da Cavallo Pazzo

» LA MAGIA DEL NATALE A CAPO DI PONTE
Lun 16 Ott 2017, 11:11 Da Denny

» “Pane, Olio e…”, Montelibretti (RM) celebra l’oro verde della Sabina
Lun 16 Ott 2017, 09:16 Da FuoriPorta

» Il monumento naturale di Corviano (VT)
Lun 16 Ott 2017, 08:56 Da Maria Giulia

» Halloween nel Castello Millenario
Ven 13 Ott 2017, 23:29 Da Silvia Guarnieri

» carmen di bizet (riduzione cameristica)
Ven 13 Ott 2017, 14:19 Da Società Ponchielli

» carmen di bizet (riduzione cameristica)
Ven 13 Ott 2017, 11:57 Da Società Ponchielli

» San Martino in Cantina - Valpolicella
Ven 13 Ott 2017, 08:32 Da Valpolicella

» Si aprono le fosse! È l’ora del formaggio che riemerge dal tufo!
Gio 12 Ott 2017, 18:19 Da Tipicità

» FESTA D'AUTUNNO " Passeggia e Assaggia "
Gio 12 Ott 2017, 18:19 Da Ciciliamo

» Cividale del Friuli e le misteriose Valli del Natisone
Gio 12 Ott 2017, 16:29 Da FuoriPorta

» A Conversano (BA) il novello si gusta sotto il castello
Gio 12 Ott 2017, 16:17 Da FuoriPorta

» L’antico e prelibato porro di Cervere (CN)
Gio 12 Ott 2017, 16:12 Da FuoriPorta

» Sagra del cinghiale di Chianni (PI)
Gio 12 Ott 2017, 16:08 Da FuoriPorta

» Montella (AV) festeggia dal 3 al 5 nov tutto il meglio della gastronomia irpina
Gio 12 Ott 2017, 15:59 Da FuoriPorta

Previsioni del tempo
Camperfree
"Camperfree non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità e non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 07.03.2001."

Sulle orme di San Francesco al Sant. del Presepe di Greccio

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Sulle orme di San Francesco al Sant. del Presepe di Greccio

Messaggio Da FuoriPorta il Mer 17 Dic 2014, 09:13

Sulle orme di San Francesco al Santuario del Presepe di Greccio

Lì dove San Francesco diede vita al primo presepe della storia, sorge uno dei monumenti più importanti della storia del francescanesimo: il Santuario del Presepe. Una maestosa costruzione che si erge a 2 km dal borgo in provincia di Rieti, arroccato sulla roccia di un costone boscoso in una posizione che lascia senza fiato. Dopo aver percorso una lunga scalinata si arriva alla chiesina di San Luca, cuore e centro del luogo santo. Nella grotta in cui fu realizzato l’evento infatti, fu costruita una cappella e sul masso che servì da mangiatoia, un piccolo altare. Sul fondo della cappella, sopra l’altare, si ammira un affresco del 1400 di scuola Giottesca attribuito al Maestro di Narni del 1409 che rappresenta, a destra, la Natività di Betlemme e, a sinistra, il Presepe di Greccio.

Percorrendo poi uno stretto corridoio, si arriva ai luoghi abitati dal Santo e dai primi frati: il Refettorio, dove si vedono ancora un piccolo lavatoio, una parte del primitivo pavimento e un caminetto restaurato. Vicino all’apertura che porta al primitivo dormitorio due affreschi del XVI° sec. Attraverso il lungo corridoio dove si affacciano le cellette in cui dormivano i frati, si arriva in quella dove sulla nuda roccia, dormiva il Santo. Tornando indietro e avviandosi per salire al piano superiore, si incontra la minuscola cantina di San Francesco e il pulpito di San Bernardino da Siena posto davanti all’antro dove un tempo venivano seppelliti i frati.

Per una stretta scala, si giunge nel Dormitorio detto di San Bonaventura, del XIII°sec. costruito sopra i primitivi abitacoli. Le cellette, quindici per l’esattezza, sono disposte lungo un corridoio e nella prima attualmente aperta, secondo la tradizione avrebbero dimorato San Berardino da Siena, San Bonaventura da Bagnoregio, ministro dell’ordine (1257-1274), San Leonardo da Porto Maurizio. Si incontra quindi un coro del XVII° secolo che conserva un leggio con un antico corale, un crocifisso ligneo del XVIII secolo; due piccoli quadri in rame del secolo scorso e un’immagine dell’addolorata del XVII secolo della scuola del Sassoferrato.

Attraverso il coro, si entra nella prima chiesa dedicata a San Francesco dopo la sua canonizzazione avvenuta nel 1228, a soli due anni dalla morte. Sopra gli stalli, le originali attrezzature per il servizio corale, consistenti in due aste di legno girevoli per sostenere il libro e la lanterna. Nella cappella laterale a fianco della piccola chiesa si conserva in copia moderna un ritratto di San Francesco sofferente che si asciuga gli occhi, commissionato da Jacopa dei Settesoli qualche tempo prima della morte del Santo. L’originale è andato perduto, mentre la copia attuale risale al XIV secolo. San Francesco è colto nell’atto di asciugarsi gli occhi a ragione della grave infezione agli occhi che lo affliggeva.

Esterno al santuario si trova la cella solitaria di San Francesco e la grotta dove visse per 32 anni, il Beato Giovanni da Parma, settimo ministro generale dell’ordine. Nel piazzale adagiata con un fianco alla roccia troviamo la chiesa moderna costruita agli inizi degli anni sessanta e dedicata a San Francesco e alla Vergine Immacolata. All’interno, due presepi: uno ligneo ed uno in terracotta e nel ballatoio sopraelevato una mostra permanente di presepi.
avatar
FuoriPorta
Tenda
Tenda


Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum