Camperfree
Vuoi reagire a questo messaggio? Crea un account in pochi click o accedi per continuare.
Accedi

Ho dimenticato la password

Google Maps per localizzare la tua posizione anche per fare percossi stradali in auto/camper
Mercatino Annunci Free

Visualizza tutti gli annunci

Prenotazioni GardaLanding
Ultimi argomenti attivi
» Feste del polentone con il sugo di magro a Castel di Tora
Cortina d’Ampezzo Icon_minitime1Ieri alle 16:52 Da Oasi Blu

» Carnevale dei Matòci di Valfloriana (TN) – 16/21 feb
Cortina d’Ampezzo Icon_minitime1Ieri alle 16:40 Da Oasi Blu

» Terme in Fiore XI Edizione 25 e 26 Marzo
Cortina d’Ampezzo Icon_minitime1Mar 31 Gen 2023, 15:17 Da Antonella Rocchi

» Notturno a Palazzo Barolo - Speciale San Valentino
Cortina d’Ampezzo Icon_minitime1Gio 26 Gen 2023, 11:22 Da Somewhere

» Aperitorre San valentino
Cortina d’Ampezzo Icon_minitime1Gio 26 Gen 2023, 11:19 Da Somewhere

» Aperitorre
Cortina d’Ampezzo Icon_minitime1Gio 26 Gen 2023, 11:17 Da Somewhere

» Piccoli esploratori al museo Egizio
Cortina d’Ampezzo Icon_minitime1Gio 26 Gen 2023, 11:14 Da Somewhere

» Una Fiaba da Re a Palazzo Reale
Cortina d’Ampezzo Icon_minitime1Gio 26 Gen 2023, 11:11 Da Somewhere

» Torino Segreta Tour
Cortina d’Ampezzo Icon_minitime1Gio 26 Gen 2023, 11:05 Da Somewhere

» Torino Golosa
Cortina d’Ampezzo Icon_minitime1Gio 26 Gen 2023, 11:00 Da Somewhere

» Notturno a Palazzo Reale
Cortina d’Ampezzo Icon_minitime1Gio 26 Gen 2023, 10:56 Da Somewhere

» Notturno al Manicomio di Collegno
Cortina d’Ampezzo Icon_minitime1Gio 26 Gen 2023, 10:52 Da Somewhere

» Torino Noir® Tour
Cortina d’Ampezzo Icon_minitime1Gio 26 Gen 2023, 10:31 Da Somewhere

» Torino Gialla® Tour
Cortina d’Ampezzo Icon_minitime1Gio 26 Gen 2023, 10:24 Da Somewhere

» La Magia della Sacra di San Michele Tour
Cortina d’Ampezzo Icon_minitime1Gio 26 Gen 2023, 10:15 Da Somewhere

» Torino Sotterranea®
Cortina d’Ampezzo Icon_minitime1Gio 26 Gen 2023, 10:08 Da Somewhere

» Torino Magica® Tour
Cortina d’Ampezzo Icon_minitime1Gio 26 Gen 2023, 09:55 Da Somewhere

» Etna
Cortina d’Ampezzo Icon_minitime1Mer 25 Gen 2023, 16:29 Da FuoriPorta

» 6 luoghi in cui festeggiare
Cortina d’Ampezzo Icon_minitime1Mer 25 Gen 2023, 16:20 Da FuoriPorta

» Festa con le frittelle di riso a Rapolano Terme (SI)
Cortina d’Ampezzo Icon_minitime1Mer 25 Gen 2023, 16:11 Da FuoriPorta

» Festa della Candelora a Tarzo (TV)
Cortina d’Ampezzo Icon_minitime1Mer 25 Gen 2023, 15:58 Da FuoriPorta

» Bitmain Antminer S19Pro 110TH ASIC Bitcoin Miner + PSU
Cortina d’Ampezzo Icon_minitime1Ven 20 Gen 2023, 00:09 Da Olvtech09

» Tra “el schissotto” e San’Antonio Abate, è festa
Cortina d’Ampezzo Icon_minitime1Gio 19 Gen 2023, 16:54 Da FuoriPorta

» Festa del radicchio e dei sapori veneti
Cortina d’Ampezzo Icon_minitime1Gio 19 Gen 2023, 16:45 Da FuoriPorta

» Borgosesia è carnevale
Cortina d’Ampezzo Icon_minitime1Gio 19 Gen 2023, 16:38 Da FuoriPorta

Previsioni del tempo
Camperfree
"Attenzione! Camperfree non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. L’autore del sito Mario La Donna e possibili collaboratori non sono responsabili del contenuto dei commenti ai post, nè del contenuto dei siti linkati. Alcuni testi o immagini inseriti in questo blog sono tratti da internet e, pertanto, considerati di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi."

Cortina d’Ampezzo

Andare in basso

Cortina d’Ampezzo Empty Cortina d’Ampezzo

Messaggio Da FuoriPorta Ven 29 Gen 2021, 16:48

Non è solo la località sciistica più glamour del turismo invernale, fu anche la prima città italiana a organizzare i Giochi Olimpici Invernali, che fecero crescere il suo prestigio e la sua fama fuori dai confini. Eravamo nel 1956. Questo splendido luogo è Cortina d’Ampezzo!
Che si scii o meno una visita da queste parti è sempre un’idea grandiosa! Cortina d’Ampezzo è in assoluto la località sciistica italiana più conosciuta all’estero, oggi fin troppo inflazionata, ma noi vi invitiamo sempre ad apprezzare la realtà più autentica dei borghi in cui vi invitiamo ad andare.

Nonostante sia conosciuta come la “Regina delle Dolomiti”, posta nel cuore del versante orientale di queste meravigliose montagne, al centro della Conca d’Ampezzo, nell’alta Valle del Boite, che fu il bacino terminale di un antico ghiacciaio quaternario. Per i curiosi il Quaternario è il terzo e ultimo dei tre periodi che compongono l’era geologica del Cenozoico. E’ stato l’ultimo periodo di estrema variabilità climatica nella storia della Terra, caratterizzato da numerose glaciazioni.

Nonostante dunque il mito che la caratterizzi come cittadina votata allo sci, Cortina d’Ampezzo è altro. E’ un percorso tra chiesette, architetture civili, musei… e buon cibo.

Iniziamo il nostro percorso dalla chiesetta di San Francesco, nella piazzetta omonima, nel pieno centro del paese. Si tratta di una piccola cappella privata della famiglia ampezzana dei Costantini. Le sue forme molto sobrie, con una semplice facciata a capanna, il suo grazioso campanile a vela e la tipica copertura con scandole di larice, la rendono un gioiellino. Rimasta inalterata nei secoli, eccezion fatta per la grotta di Lourdes, fatta costruire nel 1913, sulla parete destra dell’unica navata dal sagrestano del tempo, Fedele Siorpaes.
Nell’unica aula interna, silenziosa e raccolta, spiccano sul fondo alcuni pregevoli affreschi del Trecento, notevolmente belli per chi ama il genere. Non troverete ricchi tesori d’arte dunque, ma sarete colpiti soprattutto dalla sua semplicità, in perfetta sintonia con il santo a cui è dedicata. Non se ne conoscono con precisione le origini, ma la sua esistenza è comunque documentata da una pergamena del 1396. Graziosa e suggestiva, in bella posizione tranquilla e defilata, merita!

Per gli appassionati di musei locali, Cortina nel centro congressistico Alexander Girardi Hall ha due Musei delle Regole d’Ampezzo:

Museo paleontologico Rinaldo Zardini, una raccolta di centinaia di fossili di ogni colore, forma e dimensione, trovati, radunati e catalogati dal fotografo ampezzano Rinaldo Zardini, appassionato di paleontologia. Tutti i pezzi esposti sono stati rinvenuti sulle Dolomiti e narrano di un’epoca in cui queste alte vette alpine si trovavano ancora sul fondale di un grande mare tropicale, popolato da invertebrati marini, pesci, coralli e spugne.

Museo etnografico Regole d’Ampezzo, allestito in una vecchia segheria “alla veneziana” ristrutturata, che sfruttava il moto idraulico del torrente Boite. Ivi sono esposti oggetti della vita quotidiana, contadina e pastorale di un passato non tanto lontano: sono conservati oggetti della religiosità popolare, testimonianze artistiche, utensili agricoli, tecniche di lavorazione dei materiali e abiti tipici di questa valle che vengono sfoggiati nelle maggiori occasioni.

Da non perdere poi il Museo d’arte moderna Mario Rimoldi con oltre 800 opere dei maggiori pittori del Novecento italiano: Campigli, Carrà, Cascella, de Chirico, de Pisis, Guttuso, Morandi, Mušič, Savinio, Severini, Sironi, Tomea e molti altri. Ospita inoltre numerose esposizioni temporanee su varie tematiche.

Essenza stessa dell’umanità locale è la Ciasa de ra Regoles, la Casa delle Regole. Austera ed essenziale, senza balconi e con gli affreschi esterni che propongono gli stemmi delle Regole Ampezzane, questa è la grande “casa” in cui risiedono le Regole d’Ampezzo, un ordinamento diffuso in varie zone dolomitiche, le cui origini risalgono a epoche molto antiche. Con esse vengono stabiliti i diritti di godere e gestire il territorio da parte della collettività locale, considerandolo un patrimonio inalienabile da trasmettere alle generazioni future. L’edificio ha dunque un enorme valore civile e culturale per i cortinesi, contenendo l’essenza stessa del loro vivere.
L’edificio, sulla cui facciata sono dipinti gli emblemi delle Regole partecipanti, si distingue anche per essere sede museale e del Parco Naturale delle Dolomiti d’Ampezzo. Non si può trascurare durante la visita a Cortina.

Come è ovvio che sia, non mancano le architetture militari e noi non potevamo non segnalarvi il Sacrario di Pocol che si distingue da molti altri per l’alta torre che ne costituisce il corpo centrale, da cui osservare un eccezionale panorama. Qui ci sono i resti di quasi diecimila soldati dei due fronti, affratellati dalla sofferenza e dalla morte.
Il Sacrario, malgrado la grigia monumentalità, induce al silenzio e al raccoglimento attraverso spazi disposti su più piani.

Come ogni visita che si rispetti, la nostra termina sempre in tavola. I primi piatti più famosi sono certamente i chenederli, palle di pan grattato ripiene di speck, spinaci, lardo o formaggio e serviti in brodo caldo o con burro fuso. I casunziei, ravioli a mezzaluna ripieni di rapa rossa o patata, conditi con burro fuso e semi di papavero, e i pestariei, pezzetti di pasta di farina bianca e acqua cotti in latte bollente salato; questo tipico piatto rappresentava l’antica colazione degli ampezzani.
FuoriPorta
FuoriPorta
Caravan
Caravan


Torna in alto Andare in basso

Torna in alto

- Argomenti simili

 
Permessi in questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum.