Camperfree
BENVENUTO SU CAMPERFREE

AVVISO

Per registrarti clicca su REGISTRARE con un EMAIL VALIDA per convalidare la registrazione e quindi accedere alle sezioni riservate solo agli utenti, connettendoti utilizzando il tuo Nome utente e Password.

Il forum è gratuito e la definizione "CONTO" significa "ACCOUNT" (iscrizione)

Se hai perso la Password puoi recuperarla cliccando sulla chiave qui sotto, otterrai una nuova Password via email

Il cous cous tabarchino di Carloforte Chiave11

Dopo potrai sempre modificarla accedendo nel tuo profilo
Accedi

Ho dimenticato la password

Google Maps per localizzare la tua posizione anche per fare percossi stradali in auto/camper
Mercatino Annunci Free

Visualizza tutti gli annunci

Ultimi argomenti
» Pizza, territorio e tipicità
Il cous cous tabarchino di Carloforte Icon_minitime1Ieri alle 18:44 Da Tipicità

» OmoGirando Soriano (visita guidata) - Soriano nel Cimino, 22 marzo 2020
Il cous cous tabarchino di Carloforte Icon_minitime1Ieri alle 18:04 Da OmoGirando

» OmoGirando Colle del Vescovo e il Maschio d’Ariano - Lariano, 8 marzo 2020
Il cous cous tabarchino di Carloforte Icon_minitime1Ieri alle 18:00 Da OmoGirando

» 4° Mangialonga per i Bricchi di Sori Domenica 3 maggio 2020
Il cous cous tabarchino di Carloforte Icon_minitime1Ieri alle 12:04 Da roberto1978

» FORME SFUGGENTI 53 – ROCCA DE’ GIORGI (19-21 febbraio 2020)
Il cous cous tabarchino di Carloforte Icon_minitime1Ven 21 Feb 2020, 23:55 Da Ri.Ca.Sba

» Carnevale “green” a Santhià (VC)
Il cous cous tabarchino di Carloforte Icon_minitime1Ven 21 Feb 2020, 10:50 Da FuoriPorta

» Carnevale a Sannicandro di Bari (BA) 23/25 feb
Il cous cous tabarchino di Carloforte Icon_minitime1Ven 21 Feb 2020, 10:32 Da FuoriPorta

» Il Museo dei Pupi Siciliani di Siracusa
Il cous cous tabarchino di Carloforte Icon_minitime1Ven 21 Feb 2020, 10:28 Da FuoriPorta

» L'emozione del volo in Mongolfiera a Castelfiorentino
Il cous cous tabarchino di Carloforte Icon_minitime1Ven 21 Feb 2020, 10:25 Da Ufficio Informazioni

» Le bugie di Carnevale ripiene di Nutella
Il cous cous tabarchino di Carloforte Icon_minitime1Ven 21 Feb 2020, 10:24 Da FuoriPorta

» Arte & Natura – Fiori in Villa
Il cous cous tabarchino di Carloforte Icon_minitime1Gio 20 Feb 2020, 17:46 Da Valentina Cavera

» Toscana: Pasqua e Pasquetta con il Palio della Costa Etrusca
Il cous cous tabarchino di Carloforte Icon_minitime1Mer 19 Feb 2020, 14:36 Da Andrea Berti

» Eventi: Firenze culla restauro e arte con salone biennale internazionale
Il cous cous tabarchino di Carloforte Icon_minitime1Mer 19 Feb 2020, 14:34 Da Andrea Berti

» 1° Pet's World - Fiera di Brescia - Brixia Forum -
Il cous cous tabarchino di Carloforte Icon_minitime1Mer 19 Feb 2020, 10:30 Da Victor.damiani@fdrentserv

» 64° Fiera di Gavardo (BS) e Vallesabbia - 01-03 Maggio 2020
Il cous cous tabarchino di Carloforte Icon_minitime1Mer 19 Feb 2020, 10:28 Da Victor.damiani@fdrentserv

» FORME SFUGGENTI 52 – CASTELLO DI TABIANO (14-16 febbraio 2020)
Il cous cous tabarchino di Carloforte Icon_minitime1Lun 17 Feb 2020, 22:58 Da Ri.Ca.Sba

» Carnival Street Food
Il cous cous tabarchino di Carloforte Icon_minitime1Lun 17 Feb 2020, 22:02 Da Eletta

» 21 e 22 marzo: Collezionismo a Napoli, il Memorial Correale
Il cous cous tabarchino di Carloforte Icon_minitime1Lun 17 Feb 2020, 20:17 Da TempoLibero

» I Blumarji, un’antica usanza carnevalesca a Montefosca (UD) 23 feb
Il cous cous tabarchino di Carloforte Icon_minitime1Lun 17 Feb 2020, 17:36 Da FuoriPorta

» Presentazione nuovo utente
Il cous cous tabarchino di Carloforte Icon_minitime1Lun 17 Feb 2020, 07:23 Da Cavallo Pazzo

» Cellamonte - Carnevale degli Scufiot
Il cous cous tabarchino di Carloforte Icon_minitime1Dom 16 Feb 2020, 21:47 Da Jamestsrm

» Conoscere le miniere di Gorno
Il cous cous tabarchino di Carloforte Icon_minitime1Ven 14 Feb 2020, 20:45 Da Fabrizio Scolari

» Malentrata, una splendida “terrazza” sulla Val Brembana
Il cous cous tabarchino di Carloforte Icon_minitime1Ven 14 Feb 2020, 10:40 Da FuoriPorta

» Montecchio Medievale 2020 "La Faida"
Il cous cous tabarchino di Carloforte Icon_minitime1Ven 14 Feb 2020, 02:03 Da Claudio Wolf

» Mirano: concerto di Giulio Andreetta per il centenario di Giambattista Tiepolo
Il cous cous tabarchino di Carloforte Icon_minitime1Ven 14 Feb 2020, 00:47 Da F.2009

Previsioni del tempo
Camperfree
"Attenzione! Camperfree non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. L’autore del sito Mario La Donna e possibili collaboratori non sono responsabili del contenuto dei commenti ai post, nè del contenuto dei siti linkati. Alcuni testi o immagini inseriti in questo blog sono tratti da internet e, pertanto, considerati di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi."

Il cous cous tabarchino di Carloforte

Andare in basso

Il cous cous tabarchino di Carloforte Empty Il cous cous tabarchino di Carloforte

Messaggio Da FuoriPorta il Mer 15 Mag 2019, 08:06

Il “cascà” o “cous cous tabarchino” è un piatto tipico di Carloforte, nonostante sia di origine araba. La popolazione della splendida isola nell’isola sarda colonizzo un piccolo villaggio in Tunisia nel 1540, importando una serie di usi e costumi. Tra questi anche il cous cous che nella versione tradizionale sarda non prevede l’uso della carne.

INGREDIENTI

250 g di semola grossa, olio extravergine di oliva, acqua, sale, 50 gr di cipolla, 2 spicchi di aglio, 150 gr di cavolfiore, 100 gr di cavolo verza, 1 zucchina, 1 carota, 1 melanzana piccola, 2 carciofi, 200 gr di fave, 100 gr di ceci secchi, 2 manciate di piselli, 2 peperoncini piccanti secchi, 1 mazzetto di finocchietto selvatico, 2 chiodi di garofano, maggiorana, cannella, noce moscata, cumino, coriandolo, cardamomo, curcuma, olio extravergine d’oliva, sale q.b.

PREPARAZIONE

Lavorate la semola grossa con un filo di olio extravergine di oliva, poca acqua tiepida e sale, fino a ottenere i granellini tipici del cous cous. Ricordatevi di mettere i ceci secchi a bagno in acqua fredda dal giorno prima, cioè devono stare in ammollo per un giorno intero. Bolliteli insieme a uno spicchio di aglio per circa 3 ore, o in una pentola a pressione per metà del tempo. Intanto lavate accuratamente le verdure: separate le cimette del cavolfiore, affettate finemente il cavolo cappuccio, tritate la cipolla, tagliare a quadrotti la zucchina e la carota. Mondate le fave e i piselli, senza dimenticare il finocchietto selvatico. Vi servirà un brodo vegetale: fate bollire per una ventina di minuti in pentola un litro e mezzo d’acqua con carota, cipolla, sedano e zucchina.

Sbucciate e schiacciate uno spicchio di aglio e farlo rosolare nella parte inferiore della cuscussiera con due cucchiai di olio extravergine di oliva, insieme alla cipolla e a un peperoncino piccante secco tritato grossolanamente. Dovete aver cura di far saltare le verdure in tegami diversi per non confondere i sapori. Unirle solo quando avranno un colore dorato. Aggiungete due cucchiai della miscela di spezie (garam masala: cannella, cumino, coriandolo, cardamomo, chiodi di garofano, pepe nero e curcuma) e lasciate cuocere dolcemente per dieci minuti aggiustando di sale e con un mestolo di brodo se troppo asciutto.In un’altra padella scaldate 120 ml di brodo e versateci il cous cous. Lasciate assorbire il brodo mescolando con un forchetta di legno e poi lasciatelo riposare fuori dalla fiamma, con coperchio, per dieci minuti. Rimettete quindi sul fuoco con un filo di olio e amalgamate sgranando con la forchetta. A cottura ultimata, spolverizzate ancora con le spezie miste.
FuoriPorta
FuoriPorta
Caravan
Caravan


Torna in alto Andare in basso

Torna in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum