Camperfree
BENVENUTO SU CAMPERFREE

AVVISO

Per registrarti clicca su REGISTRARE con un EMAIL VALIDA per convalidare la registrazione e quindi accedere alle sezioni riservate solo agli utenti, connettendoti utilizzando il tuo Nome utente e Password.

Il forum è gratuito e la definizione "CONTO" significa "ACCOUNT" (iscrizione)

Se hai perso la Password puoi recuperarla cliccando sulla chiave qui sotto, otterrai una nuova Password via email



Dopo potrai sempre modificarla accedendo nel tuo profilo
Accedi

Ho dimenticato la password

Conta Visite

contatore
LE NAZIONI CHE HANNO VISITATO CAMPERFREE
Mercatino Annunci Free

Visualizza tutti gli annunci

Ultimi argomenti
» La roulotte prende fuoco
Oggi alle 08:45 Da Cavallo Pazzo

» Diamoci un saluto giornaliero 2016
Ieri alle 23:57 Da Corrado B

» l borgo di Lovere, perla del Lago di Iseo
Ieri alle 18:16 Da FuoriPorta

» L’Orto dei frutti dimenticati di Pennabilli
Ieri alle 18:14 Da FuoriPorta

» L’Alta Valle dell’Isonzo in bicicletta
Ieri alle 18:11 Da FuoriPorta

» Ripa Majala, un gioiello roccioso nel cuore della campagna laziale
Ieri alle 18:07 Da FuoriPorta

» Taccozze e fagioli alla molisana di Guardiaregia
Ieri alle 18:00 Da FuoriPorta

» “Raici e fasioi”, la zuppa di Mogliano Veneto
Ieri alle 17:53 Da FuoriPorta

» “Segui la Stella”, i Presepi Artistici in mostra ad Alatri (FR)
Ieri alle 16:35 Da FuoriPorta

» I Mercatini di Natale animano Greccio (RI) in attesa del Presepe
Ieri alle 16:33 Da FuoriPorta

» La magia del presepe va in scena l’Anfiteatro Romano, il Mitreo e la Cattedrale
Ieri alle 16:29 Da FuoriPorta

» A Iseo (BS) il Natale torna a far rima con il gusto
Ieri alle 16:22 Da FuoriPorta

» A Pennabilli (RN) il suggestivo Presepe prende vita nella “rupe”
Ieri alle 16:17 Da FuoriPorta

» Il radicchio rosso di Mogliano Veneto (TV) in mostra per due giorni
Ieri alle 16:14 Da FuoriPorta

» Dogliani (CN) organizza il Presepe Vivente nel borgo “Castello”
Ieri alle 16:11 Da FuoriPorta

» A Condino (TN) i Presepi prendono vita sulle fontane
Ieri alle 16:07 Da FuoriPorta

» Il Presepe vivente di Equi Terme nel suggestivo scenario del solco (MS)
Ieri alle 16:04 Da FuoriPorta

» Brisighella (RA) apre per le porte per il Presepe itinerante vivente
Ieri alle 16:01 Da FuoriPorta

» Il Presepe monumentale accoglie i visitatori a Città della Pieve (PG)
Ieri alle 15:56 Da FuoriPorta

» Pontelongo (PD) il Presepe Vivente è uno spettacolo popolare
Ieri alle 15:53 Da FuoriPorta

» La piccola Betlemme di Montalto Uffugo (CS)
Ieri alle 15:51 Da FuoriPorta

» Per 4 giorni Faicchio (BN) diventa “La Betlemme del Sannio”
Ieri alle 15:48 Da FuoriPorta

» Baselice (BN) torna indietro nel tempo per riscoprire il suo Presepe
Ieri alle 15:45 Da FuoriPorta

» Autovelox dal 11 al 17 dicembre 2017
Ieri alle 15:40 Da Cavallo Pazzo

» New Generation Gospel Crew in concerto a Zanè
Lun 11 Dic 2017, 12:04 Da NggCrew

Previsioni del tempo
Camperfree
"Camperfree non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità e non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 07.03.2001."

Mostra di pittura di Fernando Pietròpoli a Malcesine (Lago di Garda)

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Mostra di pittura di Fernando Pietròpoli a Malcesine (Lago di Garda)

Messaggio Da Fernando Pietropoli il Mar 08 Ago 2017, 10:56

Mostra personale di pittura di Fernando Pietròpoli a Malcesine (Lago di Garda)

Con il titolo “Le onde del tempo”, l'artista veronese Fernando Pietròpoli presenta a Malcesine, dal 14 al 20 agosto 2017, nel Palazzo dei Capitani, le sue opere più recenti di stile lirico astratto e informale materico, con un ampio spazio dedicato anche alla pittura figurativa. Orario 11-21, ingresso libero. La mostra è patrocinata dalla Società Belle Arti di Verona. (info: +39 388 8918196 – info@fernandopietropoli.it - www.fernandopietropoli.it).


Geografia di Artista: Fernando Pietròpoli (critica all'estetica)
Lossodromico è il viaggio dell’artista Fernando Pietròpoli: il suo è un procedere per linee curve nel tentativo di trovare negli archi della rotta gli approdi sfuggiti a chi, per percorsi diritti, ha evitato l’incertezza dell’ignoto.

Il suo vivere è proteso ad allargare la vita, il campo della sua mente, laddove la maggior parte degli uomini tende, invece, ad allungarla: un mese, un giorno, un istante in più di quanto è stato loro concesso. Non c’è aspetto, sia pur minimo, della sua pittura che non sia governato dall’antilogia; accade spesso infatti, di fronte alle sue creazioni informali, di asserire come non vi siano parole per spiegare il misterioso della sua opera. Nella sua esperienza artistica vi è questo dato costitutivo, programmatico: raccontare dell’esistenza quei luoghi in ombra, quei lacerti di vita che sfuggono ai riflettori quotidiani, alle vetrine del mondo. E’ questa, in effetti, la nota ricorrente della sua arte, necessaria per giungere alla chiave di lettura del suo essere uomo: costruirsi nel vero, e, per dirla come Mario Luzi, “al fuoco della controversia”, in costante antitesi tra gioia e turbamento.

Pietròpoli ha a lungo perseguito l’essenzialità nel proprio dipingere. Essenzialità e immediatezza sono doni che la pittura concede solo dopo una lunga ricerca del proprio stile, del proprio connotato artistico. E il pervenire a questo risultato, facilmente riconoscibile specie nei dipinti più recenti, è il naturale sbocco di un percorso maturo, tenacemente sostenuto dalla volontà di giungere ai più. Ma ciò che maggiormente colpisce – ed è questa la filigrana di tutta la sua opera – è la “solare speranza” di cui egli si nutre e naturalmente porge ai suoi osservatori, come cono di luce oltre il tunnel, ove si coniugano, in un personale unicum, Terra e Cielo. Ed ecco che i suoi “archi” e i suoi “ponti ”, gettati tra l’indifferenza e la partecipazione, tra l’egoismo e la solidarietà, sono, appunto, un omaggio alla Vita.

La mappa umana e le coordinate di questa geografia di artista attraversano il giorno e la notte, gli affetti familiari e il lavoro, i drammi e le gioie, l’omaggio alle proprie ascendenze poetiche, in  un rimando a elementi minuti e minimi dell’esistenza, a dettagli che sembrano secondari e che invece poi deflagrano nelle lacerazioni o nelle gioie di ciascuno di noi.

La sua complessa opera è un dono di questo nuovo millennio, affinché si possano coniugare tradizione e rinnovamento, cercando di “rifare l’uomo”, come fu per Quasimodo, al quale Pietròpoli potrebbe rispondere: “Ho tutto il tempo al mondo per trovarlo. Tutto il tempo al mondo”.

dott. Maria Gabriella Morello

Fernando Pietropoli


Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum