Camperfree
BENVENUTO SU CAMPERFREE

AVVISO

Per registrarti clicca su REGISTRARE con un EMAIL VALIDA per convalidare la registrazione e quindi accedere alle sezioni riservate solo agli utenti, connettendoti utilizzando il tuo Nome utente e Password.

Il forum è gratuito e la definizione "CONTO" significa "ACCOUNT" (iscrizione)

Se hai perso la Password puoi recuperarla cliccando sulla chiave qui sotto, otterrai una nuova Password via email



Dopo potrai sempre modificarla accedendo nel tuo profilo
Accedi

Ho dimenticato la password

Mercatino Annunci Free

Visualizza tutti gli annunci

Ultimi argomenti
» Mostra Wildlife Photographer of the Year | Fortezza Firmafede, Sarzana (SP)
Ieri alle 23:06 Da Fortezza Firmafede

» FERRAGOSTO LEVESE 2018
Ieri alle 22:35 Da Ass. Pro Levo

» BIMBIMBICI
Ieri alle 22:29 Da Ass. Pro Levo

» Laterina Medievale
Ieri alle 18:41 Da Vieribenedetta@yahoo.it

» Umanesimo tecnologico per conquistare i turisti!
Ieri alle 17:15 Da Tipicità

» Cena sotto le Stelle
Ieri alle 12:35 Da BieffePieventi

» I fini fini, primo piatto tipico della Ciociaria
Ieri alle 11:57 Da FuoriPorta

» Alla scoperta di Cetona, dalla preistoria ai giorni nostri
Ieri alle 11:53 Da FuoriPorta

» Sagra della melanzana
Ieri alle 11:50 Da FuoriPorta

» Tartufo e cioccolato, nella Rocca di Subiaco (RM)
Ieri alle 11:46 Da FuoriPorta

» Millenarja - Scene di vita medievale
Mer 18 Lug 2018, 13:58 Da Marco Pettinari

» Eroico Rosso Sforzato Wine Festival
Mar 17 Lug 2018, 14:41 Da EroicoRosso

» Libera poesia tra le mura e cappello di paglia!
Mar 17 Lug 2018, 10:26 Da Tipicità

» SAGRA DELLA ROMAGNA E DELL'ABRUZZO A FAENZA (RA) IL 24-25-26 AGOSTO 2018
Mar 17 Lug 2018, 09:20 Da Cate

» I Balanzoni, i tortelli poveri di Bologna
Mar 17 Lug 2018, 08:01 Da FuoriPorta

» In viaggio ad Ollolai alla scoperta della Sardegna più autentica
Mar 17 Lug 2018, 07:55 Da FuoriPorta

» Ascoliva Festival, ad Ascoli Piceno l’oliva ascolana in tutte le sue varianti
Mar 17 Lug 2018, 07:49 Da FuoriPorta

» Un grande “serpentone” del gusto si aggira tra i vicoli di Marcetelli (RI)
Mar 17 Lug 2018, 07:46 Da FuoriPorta

» Castel di Tora (RI) si cena sotto uno splendido cielo stellato
Mar 17 Lug 2018, 07:42 Da FuoriPorta

» Autovelox dal 16 al 22 luglio 2018
Lun 16 Lug 2018, 16:05 Da Cavallo Pazzo

» 16a Festa della Bistecca - Loc. Santarello
Lun 16 Lug 2018, 14:06 Da Moira Guerrini

» In Valdelsa. Tra ville, castelli e fattorie storiche
Sab 14 Lug 2018, 17:36 Da Ass. Culturale Cetra

» Che Grana il Grignolino
Ven 13 Lug 2018, 18:36 Da Pro Loco Grana

» Apericena Astronomica
Ven 13 Lug 2018, 12:35 Da BieffePieventi

» Rione Castello in Festa - II Sagra della Pizzola
Ven 13 Lug 2018, 11:01 Da RioneCastello

Previsioni del tempo
Camperfree
"Camperfree non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità e non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 07.03.2001."

Vulcano e faggeta dei Monti Cimini (VT)

Andare in basso

Vulcano e faggeta dei Monti Cimini (VT)

Messaggio Da Maria Giulia il Lun 17 Lug 2017, 09:36

La”faggeta” deil monti Cimini, è tra le più maestose ed imponenti dell'Italia centrale e candidata a diventare Patrimonio dell'Umanità dell'Unesco.

Antico Presente celebra la sua maestosità con un"apericena" da condividere una volta arrivati in vetta!

Si tratta di un vero e proprio vulcano che vanta due record: è il vulcano più antico del Lazio continentale (battuto soltanto dall'isola di Ponza) ed è anche il più alto, superando i 1000 m di quota. Il vulcano Cimino conclude la sua attività circa 90.000 anni fa, con una fase che ha determinato la fuoriscita di colate successive di lava. Passeggiando nella faggeta, le rocce che incontreremo sono costituite proprio da blocchi di questa antica lava.

Lo storico romano Livio descrisse la Selva Cimina come "più impenetrabile e più spaventosa ….e fino a quel tempo nemmeno l'amor del guadagno aveva potuto determinare nessun mercante a penetrarvi". Pellegrini e commercianti ne evitavano la coltre compatta che incuteva timore, e anche le legioni di Roma esitavano a penetrarvi per rincorrere il nemico durante le guerre etrusche. Oggi offre una rete di sentieri con un aspetto quasi incantato, tra gli imponenti alberi e i raggi di luce che penetrano la folta chioma degli altissimi faggi.

E’ soprattutto il faggio (Fagus sylvatica) a mostrare qui individui di dimensioni maestose, creando la cosiddetta “fustaia a cattedrale”, tipica dipopolamenti lasciati evolvere per decenni in assenza di disturbi antropici. Alcuni esemplari di faggio raggiungono e superano i quaranta metri di altezza, creando quell’atmosfera solenne che tanto timore incuteva nei viaggiatori (ma anche negli eserciti) del passato. I grandi alberi, spesso dotati di cavità, costituiscono un habitat fondamentale per il rifugio, la riproduzione e la nutrizione di un gran numero di animali selvatici.

Al limitare del bosco di faggi si trova la rupe tremante o sasso menicante, meglio conosciuto agli abitanti del posto come sasso naticarello. Celebrato già da Plinio il Vecchio come “miracolo della natura”, è un grosso masso di trachite forma ovoidale di circa 8 metri di lunghezza e del peso di circa 250 tonnellate, sospeso in equilibrio su una sporgenza rocciosa del suolo, caratteristica che fa sì che possa essere fatto oscillare sensibilmente e in modo abbastanza agevole utilizzando un grosso bastone come leva .

L’altitudine e le fitte chiome dei faggi rendono questa escursione particolarmente adatta anche alle alte temperature estive. (Durata circa  2 h e ½)

Appuntamento
Sabato 22 luglio 2017  ore 17.00 al parcheggio della Faggeta a Soriano nel Cimino. Ognuno porti qualcosa (da mangiare e/o da bere) da condividere con gli altri nell'"apericena" che faremo una volta arrivati in vetta!

  • Per chi proviene da Nord è consigliabile uscire dalla autostrada A1 al casello di Attigliano e proseguire in direzione Bomarzo-Viterbo fino ad incontrare il bivio per Soriano nel Cimino.

  • Venendo da Sud, sempre attraverso l’autostrada A1, è preferibile uscire al casello di Orte, e prendere la superstrada Orte-Viterbo fino all'uscita di Soriano. Arrivati a Soriano nel Ciminoseguire le indicazione per la Faggeta (9,2 km - circa 16 minuti)

  • Chi invece proviene dalla capitale può prendere la Cassia, lasciandola a Monterosi per la Cassia Cimino e da li seguendo le indicazioni.

  • Per chi utilizza un navigatore satellitare può impostare come destinazione “Soriano nel Cimino, Piazzale della Faggeta” oppure impostando Latitudine 42.410681 e Longitudine 12.20127.


Condizioni
Minimo 15 partecipanti. Prenotazione obbligatoria
Si consiglia abbigliamento adeguato, pantaloni lunghi, scarpe da trekking e acqua

Costo
Per i soci € 5,00 (il costo della tessera annuale per il 2017 è di € 10,00)

Informazioni e prenotazioni
335.8034198 - 339 5718135 info@anticopresente.it www.anticopresente.it
avatar
Maria Giulia


Torna in alto Andare in basso

Torna in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum