Camperfree
BENVENUTO SU CAMPERFREE

AVVISO

Per registrarti clicca su REGISTRARE con un EMAIL VALIDA per convalidare la registrazione e quindi accedere alle sezioni riservate solo agli utenti, connettendoti utilizzando il tuo Nome utente e Password.

Il forum è gratuito e la definizione "CONTO" significa "ACCOUNT" (iscrizione)

Se hai perso la Password puoi recuperarla cliccando sulla chiave qui sotto, otterrai una nuova Password via email



Dopo potrai sempre modificarla accedendo nel tuo profilo
Accedi

Ho dimenticato la password

Conta Visite

contatore
LE NAZIONI CHE HANNO VISITATO CAMPERFREE
Mercatino Annunci Free

Visualizza tutti gli annunci

Ultimi argomenti
» Asportate dalla rastrelliera del loro camper 3 biciclette
Ieri alle 07:54 Da Camperfree

» Cuiette Day ovvero il giorno degli gnocchi
Mer 22 Nov 2017, 17:16 Da Lucio Alciati

» LE STRADE DEL GUSTO DELLA LOMBARDIA -17 DICEMBRE 2017
Mer 22 Nov 2017, 11:38 Da CinziaMiraglio@gmail.com

» Saluto
Mer 22 Nov 2017, 10:47 Da Camperfree

» MERCATINO ATMOSFERE DI NATALE 02/03 DICEMBRE 2017 - PAULLO (MI)
Mar 21 Nov 2017, 12:07 Da CinziaMiraglio@gmail.com

» I Presepi Artistici in mostra ad Alatri (FR)
Mar 21 Nov 2017, 07:00 Da FuoriPorta

» La Sagra dell’Olivo Canino (VT)
Mar 21 Nov 2017, 06:26 Da FuoriPorta

» IMAGINIFICA - I DIPINTI DI UGO LEVITA
Lun 20 Nov 2017, 22:52 Da Mamaguegna

» Autovelox dal 20 al 26 novembre 2017
Lun 20 Nov 2017, 11:11 Da Cavallo Pazzo

» Buongusto in Piazzetta
Dom 19 Nov 2017, 10:46 Da Associazione Agricomart

» L’insalata di carne cruda alla piemontese
Dom 19 Nov 2017, 07:50 Da FuoriPorta

» Ripa Majala, un gioiello roccioso nel cuore della campagna laziale
Dom 19 Nov 2017, 07:45 Da FuoriPorta

» Il radicchio rosso di Mogliano Veneto (TV)
Dom 19 Nov 2017, 07:38 Da FuoriPorta

» Guardiaregia (CB) la Fagiolata di San Nicola
Dom 19 Nov 2017, 07:34 Da FuoriPorta

» Le fave di San Nicola a Pollutri (CH)
Dom 19 Nov 2017, 07:29 Da FuoriPorta

» Lo gradiresti un goccio di vin santo? E perché no!
Dom 19 Nov 2017, 07:15 Da FuoriPorta

» A Pergola raduno camper per la CioccoVisciola di Natale
Ven 17 Nov 2017, 13:49 Da Marco75

» Poggiotondo, Eccellenza di Toscana 2017
Ven 17 Nov 2017, 10:38 Da Poggiotondo

» Mercatini di Natale a Chiusi della Verna ed. 2017
Mar 14 Nov 2017, 18:29 Da ProLoco La Verna

» Il presepe vivente di Tarquinia (VT)
Mar 14 Nov 2017, 09:06 Da FuoriPorta

» Autovelox dal 13 al 19 novembre 2017
Lun 13 Nov 2017, 15:43 Da Cavallo Pazzo

» Concerto di Natale a Montodine (CR)
Dom 12 Nov 2017, 18:47 Da Franchino

» Concerto di Natale a Trigolo (CR)
Dom 12 Nov 2017, 18:46 Da Franchino

» Concerto per la Festa Patronale a Casalmorano (CR)
Dom 12 Nov 2017, 18:45 Da Franchino

» Concerto per la Festa Patronale a Paderno Ponchielli (CR)
Dom 12 Nov 2017, 18:44 Da Franchino

Previsioni del tempo
Camperfree
"Camperfree non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità e non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 07.03.2001."

CANTIANO (PU) La TURBA, sacra rappresentazione del Venerdì santo a Cantiano

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

CANTIANO (PU) La TURBA, sacra rappresentazione del Venerdì santo a Cantiano

Messaggio Da Cantiano Turismo il Gio 03 Mar 2016, 12:28

la Turba, 25 MARZO 2016

La “Turba” è una rappresentazione sacra che rievoca nelle forme del teatro popolare-religioso la passione, morte e resurrezione di Cristo e che si svolge nella sola sera del venerdì santo, ed in qualunque condizione atmosferica, nel paese di Cantiano in provincia di Pesaro-Urbino.


Il centro storico del paese si trasforma per una sera in un’enorme scena all’aperto, realizzando così una forma di rappresentazione in cui oltre duecento recitanti nei costumi dell’epoca e spettatori sono portati a muoversi insieme percorrendo le vie del paese per recarsi nei luoghi dove, grandiose scenografie, completano la rappresentazione.

Quella che oggi vediamo non è più la stessa che per tanti secoli i Cantianesi videro snodarsi lungo le vie del paese. Il rinnovamento, certamente originale, risale agli anni che precedettero il secondo conflitto mondiale ed è proseguito sino a tempi recenti. La parola ha sostituito la mimica e la recitazione dei passi salienti del Vangelo rende più immediata la comprensione dei fatti narrati. Immutate sono, comunque, le caratteristiche popolari delle origini che non si discostano granché dalla tradizione dei misteri medievali.

La sua validità come spettacolo popolare non si può disconoscere: originariamente destinata ad un pubblico locale, la manifestazione si offre oggi ad una platea assai più vasta. Essa ha trovato e trova sostegno morale e materiale nei cantianesi che offrono il loro sapere e saper fare consapevoli di dar vita ad un evento importante per la comunità intera e per quella che, come spettatrice, vi si aggrega vivendo un peculiare rapporto dinamico tra spettacolo e spettatore che raggiunge una perfetta articolazione oltre ad un ampio coinvolgimento.

LA VISITA ALLE 7 CHIESE : 25 marzo 2016 - ore 5,00

Ecco come inizia veramente il Venerdì per i Cantianesi.
Cantiano, centro storico, ore 5,00 del mattino. E’ ancora notte quando un gruppo di ragazzi insonnoliti percorre le vie del paese con l’intento, sempre riuscito, di dare la sveglia a quanti sono intenzionati a partecipare alla Visita alle Sette Chiese (detta anche Giro delle sette Chiese[/size]) e indirettamente un po’ a tutti.

Allo scopo viene utilizzato uno strumento conosciuto in gergo col nome di battistrangola. Unatavola di duro legno sulla quale è inserita, da ciascun lato, una maniglia in ferro che, libera di ruotare, colpisce piastre di ferro producendo un gran fracasso. Così inizia a Cantiano la lunga
giornata del Venerdì santo.

Una sveglia insolita questa, che segue un sonno nervoso e preoccupato. Ce n’è per tutti: dal parroco a cui attende una giornata faticosa tra funzioni e processioni, all’Amministrazione pubblica perché vuoi o non vuoi Cantiano si riempirà come al solito di tanta gente per assistere alla “Turba”, dalla casalinga intenta a preparare le prelibatezze del periodo (cresce, ciambelle, pasta e ceci, ecc.) a tutti i “turbanti” che di preoccupazioni e pensieri ne hanno da vendere.

La preghiera collettiva di tipo processionale conosciuta come Visita alle Sette Chiese, trovò in S. Filippo Neri (1515-1595), il suo più grande diffusore. Il Santo riprese probabilmente un’antica tradizione che interessava le principali basiliche romane, per rilanciarla e riproporla in veste nuova un po’ ovunque.

L’idea nacque soprattutto come contrasto alla fastosità e dissolutezza con cui veniva consumato, tanto nelle grandi quanto nelle piccole città, il carnevale. Si era nell’anno 1552. In questo periodo la stessa chiesa celebrava il concilio di Trento (conclusosi nel 1563), intesa a recuperare quel rigore che sembrava smarrito nelle stesse persone che invece dovevano esaltarlo.

Il “sette” non indicava soltanto il numero dei luoghi più santi di Roma da visitare per rinvigorire la fede, ma faceva piuttosto esplicito riferimento ad alcuni temi della passione sulla quale meditare (sette viaggi di Cristo nella Passione, le sette parole di Gesù in croce, i sette dolori della Madonna, ecc.).

Ancor’oggi il tragitto è rimasto immutato così come a noi pervenuto, trovando negli ultimi decenni nuovo e rinvigorito interesse. Una tradizione viva ed autentica, in grado di coinvolgere, in uno dei momenti più sentiti del Venerdì santo, sempre più ragazzi giovani. (Testo di Maurizio Tanfulli, Presidente dell’Associazione culturale Turba)

Per i visitatori che avranno scelto di fermarsi a Cantiano già dal Giovedì santo, il “giro delle 7 Chiese” sarà preghiera collettiva e momento di introspezione oppure un momento unico di esperienza condivisa con la comunità locale.

Il programma della manifestazione:

Ore 05:00. Centro storico. Risveglio al suono delle “battistrangole” curato dagli incappucciati
Ore 05:30. Chiesa Collegiata. Inizio della tradizionale “Visita delle Sette Chiese”
Ore 15:30. Chiesa Collegiata. Azione liturgica della Passione del Signore
Ore 16:30. Chiesa Collegiata. Suono dei “33 rintocchi” e processione, curata dagli incappucciati, del Cristo Morto e della Madonna Addolorata dalla Chiesa Collegiata a quella di S. Ubaldo
Ore 20:00. Per le vie del paese. L’attesa – introdotta dalla figura di Diogene e discepoli, con laudi e canti tradizionali sui sagrati delle chiese
Ore 20:45. Piazza Luceoli. Cospirazione e tradimento di Giuda
Ore 21:00. Parco della Rimembranza. Ultima Cena
Piazza Luceoli. Momento di vita ebraica
Ore 21:45. Piazza Luceoli. Processo e condanna
Ore 22:30. Con inizio da Piazza Luceoli. Ascesa al Calvario
Ore 23:00. Colle S. Ubaldo. La Resurrezione
Ore 23:30. Sfilata finale dei personaggi verso la Chiesa Collegiata

info: IAT Cantiano 0721 789936 (mattina)
Facebook Turba Cantiano - Comune Cantiano
https://www.camperfree.com
www.laturbacantiano.it

Cantiano Turismo


Tornare in alto Andare in basso

Re: CANTIANO (PU) La TURBA, sacra rappresentazione del Venerdì santo a Cantiano

Messaggio Da Ginestre del Catria il Gio 10 Mar 2016, 11:35

I camper hanno un occhio di riguardo nell'ospitalità! Per info: 346/0499219 Ester Simonetti

Ginestre del Catria


Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum