Camperfree
BENVENUTO SU CAMPERFREE

AVVISO

Per registrarti clicca su REGISTRARE con un EMAIL VALIDA per convalidare la registrazione e quindi accedere alle sezioni riservate solo agli utenti, connettendoti utilizzando il tuo Nome utente e Password.

Il forum è gratuito e la definizione "CONTO" significa "ACCOUNT" (iscrizione)

Se hai perso la Password puoi recuperarla cliccando sulla chiave qui sotto, otterrai una nuova Password via email



Dopo potrai sempre modificarla accedendo nel tuo profilo
Accedi

Ho dimenticato la password

Mercatino Annunci Free

Visualizza tutti gli annunci

Ultimi argomenti
» Eroico Rosso Sforzato Wine Festival
Ieri alle 14:41 Da EroicoRosso

» Libera poesia tra le mura e cappello di paglia!
Ieri alle 10:26 Da Tipicità

» SAGRA DELLA ROMAGNA E DELL'ABRUZZO A FAENZA (RA) IL 24-25-26 AGOSTO 2018
Ieri alle 09:20 Da cate

» I Balanzoni, i tortelli poveri di Bologna
Ieri alle 08:01 Da FuoriPorta

» In viaggio ad Ollolai alla scoperta della Sardegna più autentica
Ieri alle 07:55 Da FuoriPorta

» Ascoliva Festival, ad Ascoli Piceno l’oliva ascolana in tutte le sue varianti
Ieri alle 07:49 Da FuoriPorta

» Un grande “serpentone” del gusto si aggira tra i vicoli di Marcetelli (RI)
Ieri alle 07:46 Da FuoriPorta

» Castel di Tora (RI) si cena sotto uno splendido cielo stellato
Ieri alle 07:42 Da FuoriPorta

» Autovelox dal 16 al 22 luglio 2018
Lun 16 Lug 2018, 16:05 Da Cavallo Pazzo

» 16a Festa della Bistecca - Loc. Santarello
Lun 16 Lug 2018, 14:06 Da Moira Guerrini

» In Valdelsa. Tra ville, castelli e fattorie storiche
Sab 14 Lug 2018, 17:36 Da Ass. Culturale Cetra

» Che Grana il Grignolino
Ven 13 Lug 2018, 18:36 Da Pro Loco Grana

» Apericena Astronomica
Ven 13 Lug 2018, 12:35 Da BieffePieventi

» Rione Castello in Festa - II Sagra della Pizzola
Ven 13 Lug 2018, 11:01 Da RioneCastello

» 9°FESTA DELLA BIRRA GORLA MAGGIORE
Ven 13 Lug 2018, 10:26 Da Bernasconi Alberto

» Chianu & guastedda - cibo e arti di strada
Ven 13 Lug 2018, 09:40 Da Sonia Geraci

» Sostare con il camper dove si può è non.....
Ven 13 Lug 2018, 09:40 Da Camperfree

» Una sera a teatro
Gio 12 Lug 2018, 22:02 Da Ass. Pro Levo

» Palio dei Colombi 2018 Amelia (TR)
Gio 12 Lug 2018, 18:52 Da Benedetta Tintillini

» TORNEO DI TENNIS DOPPIO E SINGOLARE MASCHILE E FEMMINILE
Gio 12 Lug 2018, 17:23 Da ProCaglio

» USCITA SPELEOLOGICA PRESSO LE GROTTE DEL PIAN DEL TIVANO
Gio 12 Lug 2018, 16:38 Da ProCaglio

» Festività dell'Assunta - Pellegrinaggio al Santuario di NS dell'Acquasanta
Gio 12 Lug 2018, 15:51 Da Oratorio Mele

» Ferragosto Melese 2018 - Confraternita Sant'Antonio Abate MELE
Gio 12 Lug 2018, 15:49 Da Oratorio Mele

» TORNEO DI GREEN VOLLEY
Gio 12 Lug 2018, 10:52 Da ProCaglio

» SAGRA PAELLA E SANGRIA
Gio 12 Lug 2018, 10:41 Da ProCaglio

Previsioni del tempo
Camperfree
"Camperfree non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità e non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 07.03.2001."

In viaggio a Palermo, punto di incontro di storie, leggende e culture del Medite

Andare in basso

In viaggio a Palermo, punto di incontro di storie, leggende e culture del Medite

Messaggio Da FuoriPorta il Ven 10 Lug 2015, 09:14

In viaggio a Palermo, punto di incontro di storie, leggende e culture del Mediterraneo

Da sempre importante snodo commerciale fra Oriente e Occidente, Palermo ha visto negli anni incrociarsi le storie di Fenici, Romani, Bizantini e Normanni; e ancora di Svevi, Aragonesi, Francesi e Spagnoli. Un mix di culture e tradizioni che ha lasciato tracce indelebili nel patrimonio artistico della quinta città italiana per numero di abitanti, un vero e proprio tesoro che spazia dalle basiliche barocche ai luoghi di culto in stile arabo, dai resti delle mura puniche fino alle famose ville in stile liberty.

Difficile, insomma, suggerire da dove iniziare. Un buon punto di partenza per un itinerario a piedi può essere ilPalazzo dei Normanni, che conserva elementi architettonici di ben tre culture diverse (araba, greca e normanna) con annessa la splendida Cappella Palatina, voluta dal Re cristiano Ruggero II nel 1130 e anch’essa frutto di un particolare mix tra l’architettura latina e quella bizantina. Proseguendo il percorso si può visitare la chiesa di San Giovanni degli Eremiti, edificata in epoca normanna e sormontata da cinque caratteristiche cupolette rosse e ancora, attraversando la Porta dei Saraceni, ecco l’imperdibile Cattedrale con la Sala del Tesoro. Attraversando poi via Maqueda, asse centrale di Palermo, si accede a piazza Pretoria con la sua splendida fontana, nota fra i palermitani come “la fontana della vergogna” per la nudità delle statue che l’abbelliscono. Poco distante sorgono la splendida Chiesa della Martorana, in stile bizantino, uno degli edifici di culto più antichi e suggestivi di tutta la città, che si affaccia sulla graziosa pizza Bellini, e quella dedicata a San Francesco d’Assisi.

A pochi passi dallo storico mercato della Vucciria (che merita una visita al pari di quello di Ballarò e del mercato del quartiere Il Capo) sorge la chiesa di San Domenico, una delle maggiori espressioni del barocco siciliano. Per chi volesse invece approfondire la conoscenza dei palazzi antichi della città è d’obbligo un passaggio a piazza della Marina. Fra gli altri monumenti degli di nota vanno annoverati il Castello arabo-normanno dellaZisa, corso Calatafimi e la Cubula (meglio nota come Piccola Cuba) ospitata all’interno dei giardini di Villa Napoli. E ancora la chiesa di Santa Maria dello Spasimo, la basilica S.S. Trinità La Magione, le catacombe dei cappuccini, l’Orto Botanico, l’Oratorio di Santa Cita, il quartiere della Kalsa e in particolare Palazzo Abatellis e, poco distante dalla città, il Duomo di Monreale.

Senza dimenticare che Palermo è prima di tutto una città di mare (la splendida spiaggia di Mondello è facilmente raggiungibile) e una delle capitali enogastronomiche del nostro Paese. Ovunque, girando per le strade della città, è possibile imbattersi in chioschi di street food dal gusto e dal profumo inconfondibile: pane e panelle, pane con la milza, stigghiole (spiedini di interiora), arancine, rollò, pizzette, brioches con gelato e granite sono solo alcune delle specialità che vale la pena assaggiare (stomaco permettendo). Tra i ristoranti meritano una citazione I vespri, la Focacceria San Francesco, l’Osteria Ballarò e il Bye Bye Blues (1 stella Michelin); tra letrattorie tipiche I Cascinari e Spanò, mentre tra le pasticcerie Cappello (con la torta sette veli) Costa e Magrì (con la torta Savoia e dolci di riposto).
avatar
FuoriPorta
Tenda
Tenda


Torna in alto Andare in basso

Torna in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum